137
Il futuro di Andrè Silva è ancora tutto da scrivere. Pochi i 537 minuti totalizzati in campionato, triste quella casella vuota per i gol segnati in serie A. Adesso che anche Cutrone lo ha sopravanzato nelle gerarchie di Gattuso, per il portoghese è tempo di riflessioni.

VISIBILITA' MONDIALE - Andrè è ancora molto giovane e ha dei difetti da migliorare. Il Milan si aspettava da lui una più forte personalità, la stessa messa in campo con la maglia del Portogallo o nella Champions League della passata stagione. Perchè le qualità ci sono e si sono viste in Europa League, dove ha segnato tanto. All'ex Porto ne Montella ne Gattuso sono riusciti garantire quella continuità di rendimento fondamentale per arrivare al Mondiale in Russia nella migliore condizione fisica e mentale. 
TRA MENDES E L'EVERTON - Jorge Mendes, agente del centravanti classe 1995, avrà un contatto  con la dirigenza del Milan a stretto giro di posta. Il super agente vuole vederci chiaro, capire quali sono le reali intenzioni per questa seconda parte di stagione. Sta iniziando a muoversi tra Premier League e Liga, pronto a trovare una nuova sistemazione al suo assistito. Secondo quanto appreso da calciomercato.com è l'Everton il club che ha manifestato un interesse concreto ma non sono da escludere colpi di scena. 

LINEA MILAN - Dal club di via Aldo Rossi non è ancora emersa la chiara volontà di cedere Andrè Silva già a gennaio. E' chiaro che, per l'investimento fatto, le aspettative erano molto diverse e non sono state soddisfatte. Il confronto in programma con Mendes renderà più chiara la situazione, con il Milan deciso a non registrare alcuna minusvalenza rispetto ai 38 milioni versati nelle casse del Porto solo sei mesi fa.