Perché la conoscevamo già ma, adesso, si è fatta conoscere al mondo. È la Croazia, nazione balcanica che ha colonizzato la Serie A e che sta provando a salire sulla vetta del pianeta calcistico. E anche la Fiorentina prova a giovarsi di tutto questo talento: persi due rappresentanti della Nazionale di Dalic – Ante Rebic e Milan Badelj – è pronta a rifarsi con Mario Pasalic e Marko Pjaca.

SEGUENDO IL TREND – I croati sono sulla bocca di tutti. L’impresa guidata da Mandzukic e Perisic ha conquistato il globo pallonaro e manca solamente la ciliegina finale per trasformare il sogno da utopia a realtà. E se anche Kalinic volteggiava in orbita viola fino a dodici mesi fa, quando i suoi mirabolanti certificati anticiparono il nefasto passaggio al Milan, Corvino è pronto a donare a Pioli due pedine del Paese più in voga del momento.

GRAZIE, MAURIZIO – Finalmente la questione tra il Chelsea e gli allenatori si è sbloccata, con esultanza successiva della Fiorentina. Conte saluta, arriva Sarri, che regala alla ‘sua’ Viola lo schiocco di dita con il quale Pasalic può staccare il biglietto per l’Italia. Prestito con diritto di riscatto, sarà l’alternativa a Veretout e Benassi tra gli interni di centrocampo. O, magari, anche un titolare, con l’arretramento del francese davanti alla difesa.

PJACA È REALTÀ? – Come vi abbiamo raccontato nella giornata di ieri, la Fiorentina e la Juventus hanno trovato l’accordo per Pjaca. Prestito con diritto di riscatto e controriscatto, una soluzione che non piace ai tifosi viola. Intanto, i bianconeri hanno ‘tolto’ la maglia al croato, poiché la numero 20 è passata sulla schiena del nuovo arrivato Joao Cancelo. Pantaleo Corvino si muove, scatenato, sul mercato balcanico, il suo preferito, giocandosi l’asse con l’agente Marko Naletilic. E Pioli può iniziare a sorridere.