Tecnico l'anno scorso della Pro Patria, vincitrice del campionato di seconda divisione, Aldo Firicano non ha perso l'abitudine di girare i campi d'Italia e spesso è ospite dello stadio 'Poggiolone' di Fiesole Caldine per vedere dal vivo le prestazioni della Fiorentina Primavera, guidata per la terza stagione consecutiva da Leonardo Semplici. 'Mi aggiorno, seguo, mi appassiono tanto specialmente quando vedo i campionati giovani, agli elementi che possono avere un prospetto interessante. - ha raccontato ai microfoni di Calciomercato.com -  Ad esempio Madrigali, da ex difensore quale sono, mi fa piacere che abbia iniziato ad allenarsi in prima squadra dopo l'infortunio di Hegazy. Ne avevo caldeggiato la promozione con la rosa guidata da Montella e mi pare che proprio l'allenatore gigliato, che ha dimostrato di saper lavorare bene con elementi dalla carta d'identità non troppo usurata, abbia avuto le mie stesse idee. Il centrale difensivo ex capitano degli Allievi ha sempre mostrato grande tranquillità e professionalità, non può che crescere in questo gruppo capitanato da Pasqual, a prescindere da quanto verra'impiegato'.

Ma per Aldo Firicano domenica al 'Franchi' di Firenze ci sara' anche una sfida che divide il suo cuore: Fiorentina- Cagliari. 'Ha fatto bene il presidente Cellino a non cedere davanti a certe offerte, anche perchè soprattutto Astori e Nainggolan sono giocatori che non possono che tornare utili anche in questa stagione alla squadra di Lopez, bravissimo quest'ultimo a rimotivare certi elementi anche in questa prima parte di campionato.  - ha concluso Firicano concentrandosi sulla formaizone sarda - Astori mi auguro che a chiusura del mercato estivo adesso sia piu' sereno. Se facesse un torneo sopra le righe, con una convocazione che mi auguri a fine anno per lui in Nazionale in vista del mondiale, potrebbe anche ambire ad una big. Per me è gia' pronto tecnicamente ma forse deve poter fare l'ultimo salto di qualità dal punto di vista caratteriale'.