Calciomercato.com

  • Getty
    Fiorentina, il dt Burdisso lascia: "Posso solo dire grazie, spero che ci ritroveremo in futuro"

    Fiorentina, il dt Burdisso lascia: "Posso solo dire grazie, spero che ci ritroveremo in futuro"

    • Redazione CM
    Nicolas Burdisso, direttore tecnico della Fiorentina, ha parlato ai canali ufficiali viola: 

    "Tre anni... Per me Firenze e la Fiorentina sono stati una seconda casa. Storicamente c'è un legame molto bello con gli argentini, mi sono sentito a casa con società e tifosi, sempre in grandissima sintonia". 

    LA SCELTA NEL 2021 - "Ci siamo scelti a vicenda. La Fiorentina aveva bisogno di una figura tecnica, io stavo cercando un progetto adatto per tornare in Europa. Per me la Fiorentina è stata una grande opportunità di crescita". 

    RAPPORTO CON COMMISSO - "Famiglia. Il presidente, sua moglie, suo figlio mi hanno fatto vivere la città. Abbiamo vissuto come in un contesto familiare, mi sarebbe piaciuto condividere più tempo con Commisso perché tutte le volte che è arrivato in Italia l'atmosfera è cambiata". 

    MOMENTI - "Abbiamo avuto una crescita costante, un centro sportivo unico. Ogni momento vissuto in questa grande famiglia ha avuto valore". 

    BARONE - "Faccio fatica a parlarne senza emozionarmi. Abbiamo avuto un legame molto intenso, quando sono arrivato dopo poco abbiamo avuto un confronto molto acceso e lui era freddo nei miei confronti. Allora mi sono detto che dovevo dimostrare di essere una risorsa: ho preso la macchina e mi sono diretto a visionare la partita di un ragazzino su cui stavamo lavorando, alla fine non l'abbiamo preso ma dopo quella partita ci siamo sentiti e da quel momento il nostro rapporto è decollato". 

    PRADE' - "E' stato facile lavorare con lui, abbiamo la stessa visione del calcio. Mi ha dato libertà assoluta nel mio lavoro, ho imparato tanto". 

    FERRARI - "Io lo chiamo il capitano, perché è il capitano della squadra di calcetto con cui giochiamo ogni tanto. E' una persona eccezionale, potrei dire un amico, altamente competente, la società e nelle giuste mani". 

    IL COLPO PIU' SODDISFACENTE - "I calciatori li prende la società, non è mai merito di uno solo. Potrei dire aver convinto Nico Gonzalez, ci ho parlato e gli ho fatto capire che doveva venire a vivere questi tre anni con noi. Poi la crescita dei vari Kayode, Comuzzo, il percorso di Ranieri. Tante volte il nostro lavoro è anche dire di no, in questo senso sono fiero di aver portato qua un modo di intendere il calcio".

    VIOLA PARK - "Un'opera d'arte unica al mondo, da sportivo dico che dobbiamo essere grati al presidente. Vivere qua tutti insieme è un concetto importante, porterà dei risultati negli anni e una qualità migliore nel lavoro. Quando dovevo prendere un giocatore andavo sulla città e sul progetto tecnico, poi potevo mettere sul tavolo questo centro sportivo. Fa e farà la differenza, la Fiorentina è una società destinata a far bene". 

    SALUTI - "Mi auguro che ci ritroveremo in futuro, ho percepito che era il momento di continuare la mia crescita, quando ho salutato ho sempre detto grazie e l'ho fatto senza frizioni. Il lavoro che ho fatto mi ha permesso di girare l'Europa, di avere rapporti con altri club, di perfezionarmi. Posso solo essere riconoscente". 

    Commenti

    (3)

    Scrivi il tuo commento

    GIANCARLOMIAMI
    GIANCARLOMIAMI

    Spero mai piu, scarsone ,bostero

    • 1
    • 5

    Altre Notizie