13
Il doppio ex di Fiorentina e Milan Riccardo Montolivo ha parlato al Corriere Fiorentino: vi riportiamo le sue dichiarazioni più interessanti. 

Addio ai viola - "​In quel momento sono stato il capro espiatorio per coprire mancanze della società alla quale faceva comodo mettermi in difficoltà. Ma personalmente ho dato tutto, ho rischiato di non andare all’Europeo perché a Lecce mi infortunai e continuai a giocare, sono a posto con la coscienza". 

Caso Vlahovic - "​I tifosi amano talmente tanto la Fiorentina che vivono come un tradimento e faticano ad accettare che un giocatore per loro importante possa andarsene. Vlahovic però ha il diritto di fare quel tipo di scelta e avendolo detto in anticipo permetterà alla società di incassare soldi da reinvestire". 

Centrocampo Fiorentina - ​"E' ben assortito, mi piace molto Bonaventura al quale riconosco la capacità di fare un po’ tutto in entrambi le fasi, e poi c’è Castrovilli che è un giocatore importante. Deve solo ritrovare un po’ di equilibrio perché sta attraversando un periodo un po’ così".

Nazionale - ​"Se concedi due calci di rigore tra andata e ritorno a una diretta avversaria, cioè la Svizzera, rischi che poi ti ritrovi in questa situazione, gli azzurri devono fare mea-culpa per quelle due partite. Ora bisogna stare vicini al c.t. e all’Italia, sono fiducioso per i playoff e sono sicuro che questa Nazionale ai Mondiali ci andrà".