Commenta per primo

Vincenzo Montella, allenatore della Fiorentina, ai microfoni di Sky Sport parla del cambio tattico che ha permesso ai viola di vincere e avvicinare il terzo posto del Milan: "Nel primo tempo eravamo poco fluidi e molto prevedibili, con l'Atalanta che ci raddoppiava sempre sugli esterni e in mezzo non ci permetteva di palleggiare come sappiamo. Poi siamo tornati al nostro modulo, rinunciando ad Aquilani, e abbiamo ritrovato le nostre certezze. Ho preferito tenere Sissoko in campo per sfruttare la sua fisicità in mezzo al campo. È comunque una vittoria di tutta la squadra. Ljajic ha avuto un impatto decisivo sulla partita, ma in certe situazioni poteva giocare meglio la palla e essere più lucido. El Hamdaoui ha dovuto fare un gioco inusuale per lui, che rende meglio con un compagno accanto. Lui e Aquilani hanno pagato un po' i moduli che gli ho cucito addosso questa sera a causa dell'emergenza. Compper? È con noi da gennaio ed è un calciatore che sa leggere molto bene le situazioni e che ha una grande personalità. È un calciatore molto utile per noi e oggi ha giocato una grande partita. Terzo posto? Credo che noi dobbiamo guardare avanti, senza però dimenticarsi di chi c'è dietro. L'obiettivo primario è l'Europa e la vittoria di oggi ci dà grande fiducia in questa corsa. Larrondo ha segnato un gran bel gol, ma lo sapevo perché ha grandi qualità e sa calciare bene con entrambi i piedi. Ha solo bisogno di maggiore continuità e di credere di più in se stesso".