4
Cesare Prandelli, allenatore della Fiorentina, è andato ko nel suo nuovo esordio con la Viola, perdendo 1-0 contro il Benevento. Queste le sue parole a Sky Sport: "In questo momento le emozioni che ho provato non contano. Sono deluso e amareggiato perché devo capire molte cose. C’è tanto, veramente tanto, da lavorare. Alla prima difficoltà la squadra diventa timida, timorosa e gioca singolarmente. Le emozioni sono forti, ma ora c’è più delusione". 

IL PROBLEMA - "Devo parlarne con loro. Forse ci sono aspettative troppo alte su alcuni giocatori. Per reggerle devi avere personalità e iniziativa. Quello che mi preoccupa di più è la fragilità e ne parleremo già da domani. E’ un problema basilare, superiore ai moduli e ai numeri. Alla prima difficoltà la squadra si è persa tatticamente, tecnicamente e di personalità. Questa è una squadra che deve diventare un gruppo, trovando una risposta univoca a tutte le difficoltà. Giocare a calcio senza uno spirito di squadra è complicatissimo. Ci saranno discussioni aperte, sincere, perché questo è il nostro lavoro. E se ne sono resi conto anche i ragazzi".

SU BONAVENTURA E RIBERY - "Jack pensavamo stesse bene poi nel riscaldamento abbiamo dovuto cambiare. Borja è da agosto che non fa una gara intera e non ha la condizione. Ribery ha avuto un problema al flessore chiedendo il cambio. La sua assenza è stata un’aggravante per la questione della paura".