Commenta per primo
La partita tra Fiorentina e Tottenham si giocherà solo domani sera. Ma già da oggi agenti in assesso antisommossa sono in presidio nelle piazze e vicino ai monumenti del centro storico di Firenze. L'effetto Feyenord si fa sentire. E così per evitare disordini le forze dell'ordine fiorentine hanno studiato il piano sicurezza nei minimi dettagli. Gli agenti in presidio saranno affiancati da una task-force di uomini in borghese,  incaricata di seguire ogni movimento degli ultras della squadra inglese per evitare disordini. Contemporaneamente gli agenti della divisione di polizia amministrativa vigileranno sul rispetto dei divieti di vendita e somministrazione di alcolici disposti in via eccezionale dal prefetto Luigi Varratta.
Sempre dalla giornata di oggi, ricorda il quotidiano La Repubblica, previsti servizi straordinari di controllo, con l'uso di cani antidroga, nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti di Firenze, Pisa e Bologna, e ai caselli autostradali, per monitorare l'arrivo dei tifosi inglesi. Tutta l'area del centro storico è stata divisa in otto zone, ognuna delle quali sarà controllata dalle forze dell'ordine.
In città, poi, arriverà anche la polizia inglese con una delegazione di quattro agenti che resterà a Firenze fino a venerdì.  Al momento, per la partita sono stati venduti circa 2.200 biglietti del settore ospiti, oltre a 200 biglietti di tribuna riservati agli ospiti 'vip' del team inglese. Attenzione particolare per un gruppo di hooligan che sarebbe in arrivo a Firenze. La polizia inglese infatti ha segnalato la partenza di di una quarantina di persone classificate come tifosi violenti, tutti muniti di regolare biglietto. Gli ultras del Tottenham arriveranno negli aeroporti di Firenze, Pisa e Bologna, dove da stamani sono stati attivati appositi servizi di controllo delle forze dell'ordine. Un gruppo consistente di tifosi, oltre cento, arriverà domani all'aeroporto di Bologna. Un altro gruppo di oltre cento supporter raggiungerà Firenze insieme alla squadra del Tottenham. Altri, una minoranza, si muoveranno con mezzi privati, auto e pullman.