Commenta per primo

Disastro Rocchi a San Siro, ottima direzione a Torino. L'ex arbitro Massimo Chiesa dà i suoi voti dopo la sesta giornata di serie A e va giù duro sul fischietto toscano. 'Ha gestito la partita in maniera arrogante un po' come faceva Nicchi'.

Apertura obbligatoria dedicata alla prestazione di Rocchi a San Siro.
 
"Tutto parte dal fallo di Obi a centrocampo. Non era fallo ma anche se fosse stato fallo non sarebbe stato da ammonizione. E' lì che cambia l'inerzia della gara. Quello che mi ha colpito di più negativamente è l'atteggiamento arrogante di Rocchi in termini gestionali. Ricorda un po' l'arroganza con cui arbitrava Nicchi. Poco dialogo con i giocatori, nulla a che vedere con la serenità con cui Rizzoli arbitra le partite. Anche lui a volte sbaglia ma dirige sempre con una serenità che fa sì che i giocatori si fidino, cosa che Rocchi non consente".
 
"Il secondo fallo di Obi su Maggio c'era ma era fuori area. Errore frutto anche della scarsa collaborazione con gli assistenti. Rocchi può anche non aver visto bene ma Nicoletti doveva assisterlo. Se lui è da tre in pagella lo è anche Nicoletti. In conclusione il fallo c'era, era fuori area e Obi non doveva essere ammonito. L'ammonizione scatta perché in area ed è calcio di rigore. Da quel momento la partita è artefatta. Inter in 10, calcio di rigore che non c'era e per di più battuto in maniera non regolamentare. Doveva essere ripetuto, perchè è vero che in area entrano tre interisti ma entra anche Campagnaro che poi la mette dentro.
Rocchi ha perso completamente il controllo della gara e lo dimostra il fatto che abbia accettato delle proteste violentissime. Julio Cesar doveva andar fuori. Un arbitro non può accettare un giocatore che ti strilla in faccia e ti mette le mani addosso. Se hai sbagliato dici 'Ragazzo ho sbagliato, cercherò di far meglio dopo'. Ma se accetti delle proteste simili ammetti di aver sbagliato e con arroganza dimostri che non vuoi rimediare".
 
 
Moratti ha detto di non voler più vedere Rocchi.
 
La richiesta di Moratti è inaccettabile. Le ricusazioni non ci sono più dagli anni 90. Di sicuro sarà fermato per 2-3 turni e poi magari eviterei di fargli vedere l'Inter per qualche turno e non perchè lo abbia chiesto Moratti ma per ragioni di opportunità.
 
Juventus-Milan. L'espulsione di Boateng.
 
La direzione di Rizzoli è stata ottima. E' vero che non è successo nulla ma a volte non succede nulla anche per merito dell'arbitro. La prima ammonizione di Boateng è corretta perché la gomitata è pericolosa. Su Chiellini invece non capisco il milanista cosa volesse fare. Magari non voleva colpire Chiellini ma comunque cerca di prendere il pallone con la mano. Magari ha sentito un  fischio ed ha pensato che il gioco fosse fermo altrimenti non si spiega. Sicuramente non è stato un fallo volontario ma l'ammonizione ci stava. 
Regolare invece il gol di Marchisio. Thiago Silva tiene in gioco in Matri. Determinante la papera di Abbiati che fino a quel momento era stato perfetto.
 
 
Fiorentina-Lazio. Dubbi sul gol di Klose. Forse Sculli era in fuorigioco.
 
Parliamo di cm/mm, è un fuorigioco molto complesso da vedere. Sono cose che rientrano nella normalità. Nel dubbio meglio concedere il gol.
 
In Novara-Catania Brighi non ha concesso il rigore ai piemontesi per fallo di Marchese su Meggiorini.
 
Era rigore. Marchese mette il piede e il povero Meggiorini si becca perfino un'ammonizione per simulazione. Brighi è un altro arbitro con esperienza che continua a sbagliare. 
Regolare anche il gol che Bergessio segna a gioco fermo per un presunto fuorigioco segnalato ad Almiron. Anche in questo caso una partita compromessa.
 
Dubbi anche sul rigore concesso al Palermo per fallo Vitiello su Zahavi.
Non era rigore. Zahavi si lascia andare a terra.
 
In Parma-Genoa dubbi sul rigore al Genoa. Fallo di Paletta su Palacio.
Non era rigore.