Commenta per primo

"La classifica per il momento va bene e spero di restare lì per qualche altra giornata. Nel girone di ritorno, però, mi aspetto qualcosa di più, anche perchè l´andata ci sarà servita per conoscerci. Il nostro obiettivo è puntare a qualcosa di importante nella seconda parte di campionato". Così parlò Zdenek Zeman, attorniato dalla solita schiera di giornalisti al termine dell´allenamento di Ordona. Giacca di pelle a proteggerlo dal vento gelido e solita flemma nello scandire le parole, il boemo ha per la prima volta dall´inizio dell´anno parlato di obiettivi, ma al contempo avverte: "Dobbiamo ancora migliorare e tanto. Contro l´Andria abbiamo manifestato una miglior copertura degli spazi in campo e una buona intensità. Difettiamo ancora nella precisione dei passaggi e nel carente utilizzo delle fasce laterali". Mantenere la posizione non sarà affatto semplice contro un avversario chiamato Atletico Roma. Zeman, però, esclude che si tratti di una prova di maturità: "Al Flaminio non ci sarà nessun esame: se vinceremo non saremo dei fenomeni; se perderemo non saremo dei brocchi. Sarà una semplice gara di campionato. Non si deciderà niente. E´ chiaro, però, che vogliamo fare bella figura". Al Flaminio si gioca di sabato. Qualcuno chiede al boemo se gli farebbe piacere avere Totti sugli spalti. Lui fissa il cielo con sguardo accigliato e dopo una pausa sospira: "Certo, mi farebbe piacere averlo al Flaminio. Non credo, però, che possa venire".