Commenta per primo

Dopo aver impressionato per anni nella Primavera del Napoli, il centrocampista azzurro Giuseppe Fornito è pronto al grande salto. La sua lunga esperienza nelle giovanili partenopee è giunta a conclusione, e il classe '94 di Trebisacce si appresta ad approdare in Serie B, senza naturalmente interrompere il suo rapporto col Napoli. Centrocampista di qualità, paragonato ad Hamsik per le sue doti di incursionista, è uno dei pezzi pregiati del vivaio partenopeo. Calciomercato.com ha chiesto al suo procuratore, Francesco Gallina, cosa c'è dietro l'angolo.

Tanti talenti negli azzurrini, tra questi c'è sicuramente Fornito. Ora che la sua esperienza in Primavera è terminata, puoi fare un piccolo bilancio?
'Sono stati sei anni magici, importanti. Giuseppe ha avuto una crescita personale e professionale costante e appagante. Quest'ultima stagione era partito bene, ma si poteva chiudere meglio. Tuttavia il bilancio è senza dubbio molto positivo'

Ora è pronto al grande salto, dove giocherà nella prossima stagione?
'Non posso assolutamente rivelare nulla, proprio in queste ore sto lavorando sul futuro di Fornito. Posso dire che è molto richiesto in serie B, ma in particolare da due o tre squadre del campionato cadetto. Ne sto parlando con Bigon e insieme troveremo la soluzione migliore'.

Fornito rimarrà ancora un giocatore del Napoli?
'Sicuramente. Non è il caso di lanciarsi in previsioni, ma la formula immagino possa essere un prestito o una comproprietà. Fornito ha un contratto col Napoli firmato a dicembre 2012, e il club azzurro lo seguirà con attenzione nella prossima esperienza'.

In effetti ci risulta che il Napoli crede molto in lui. Ma Fornito è pronto a mettersi in gioco in serie B?
'Senza dubbio. Si sta preparando ad una annata molto importante, e anzi il ragazzo è mentalizzato per fare una stagione devastante, nella quale ritengo possa venir fuori tutto il suo valore. Giuseppe è molto riconoscente al Napoli e al punto in cui il club azzurro lo ha portato. La scorsa estate il ritiro di Dimaro con la prima squadra è stata un'esperienza importante, e lui non vede l'ora di avere altri grandi stimoli. Il Napoli lo ha preso quando era giovanissimo grazie a Marino e Santoro, e lo seguiranno con attenzione anche nella sua nuova squadra. Sia io che Bigon siamo convinti che potrà fare un ottimo campionato'.