Commenta per primo

Gian Piero Gasperini, ex tecnico di Genoa e Inter, parla del Napoli, club al quale alcuni rumors di mercato hanno legato il suo nome per il dopo Mazzarri.

"Sono stato ad un passo dal Napoli a maggio - spiega a Radio Kiss Kiss Napoli -. Per me sarebbe stata un'opportunità importante. Essere scelti per continuare un progetto già avviato per giocare con uno schema che già conosco mi ha fatto piacere. Però devo anche dire che ormai la difesa a tre non è più sconosciuta, la usano spesso anche altre squadre vincenti, ad esempio la Fiorentina, l'Udinese, la Juventus e qualche volta anche il Barcellona di Guardiola".
 
"A Napoli per dopo Mazzarri? Non mi propongo mai, la mia intenzione è sempre quella di lavorare al meglio per cercare di improntare un progetto serio - aggiunge Gasperini -. Ho sempre fatto bene per anni e poi c'è stato questo momento sfortunato in questa mia parentesi all'Inter. Quello che succederà più avanti lo vedremo. In questo momento del torneo nessuna squadra può già pensare a programmare la prossima stagione. Il Napoli ha comunque già un ottimo tecnico e mi auguro che riesca a raggiungere quest'anno obiettivi importanti. Poi proporsi davvero non mi piace. Penso che Mazzarri, in una piazza difficile, sia riuscito a dare personalità alla squadra, ma il valore dell'allenatore è relativo se le squadre non hanno giocatori di livello. Quando tutti remano nella stessa parte poi i risultati arrivano. Napoli è sempre stata una piazza molto importante, non solo in quest'ultimo periodo, da sempre è una meta molto ambita. In percentuale Mazzarri ha influito molto per la buona riuscita del progetto-Napoli".