Commenta per primo

I numeri sono impietosi con il Genoa in versione casalinga. Infatti, le due porte del Ferraris sono diventate improvvisamente strette come quelle da hockey per i giocatori rossoblù, che non la violano da quasi trecento minuti.

L'ultima esultanza risale alla partita contro il Bologna, decisa da una rasoiata di Omar Milanetto al 37' della ripresa, quando ormai si iniziava a pensare ad un'altra giornata infruttuosa. La somma - senza conteggiare i recuperi - è presto fatta: 278 minuti di digiuno assoluto, che per una squadra abituata - durante l'era Gasperini - a realizzare vagonate di reti, specialmente in casa, rappresenta un enormità.

(Il Corriere Mercantile)