Commenta per primo

 Il Genoa va a Palermo in cerca di conferme. In questi termini si è espresso l'allenatore, Pasquale Marino, prima di partire per la Sicilia: "Ora mi attendo delle conferme, la gara con l'Udinese non deve essere stata solo una meteora". Il Genoa peraltro dovrà fare i conti con le assenze. Alla lunga lista degli indisponibili (Bovo, Dainelli, Kaladze, Rossi e Antonelli) si sono infatti aggiunti Constant e Veloso, oltre a Rossi che è squalificato. Venti i giocatori convocati da Marino, tra cui anche i tre primavera Meucci, Marchiori e Sampirisi. Quest'ultimo alla luce della buona prestazione fornita in Coppa Italia contro l'Inter, potrebbe partire titolare. "Sampirisi ha fatto bene con l'Inter - ha detto Marino -, mi offre ampie garanzie. Il ragazzo sta crescendo, si è integrato bene nel gruppo e mi ha sorpreso perchè anche se è molto giovane ha grande personalità". 

LA MENTALITA' - Assenze a parte, Marino cerca continuità. "Per il Palermo sarà una partita difficile perchè stanno cercando di uscire da un periodo negativo. Ma noi non possiamo guardare cosa devono fare gli altri, dobbiamo cercare di dare continuità a quello che abbiamo fatto domenica. Serve l'attenzione giusta, quella che abbiamo avuto contro l'Udinese. Se riusciremo ad esprimere la stessa mentalità, potremo anche fare risultato. In casa e fuori, non c'è motivo per cui in casa siamo più aggressivi e fuori più passivi. In fondo si gioca sempre undici contro undici. È solo una questione di mentalita".