Commenta per primo

'Arouca è un giocatore molto forte sia fisicamente che a livello dinamico. E' un elemento di grande rendimento, non un fenomeno ma un ottimo giocatore. Credo che non avrebbe difficoltà ad inserirsi fin da subito nel calcio italiano'. Il consulente di mercato del QPR ed ex tecnico Gianni Di Marzio, reduce da un viaggio esplorativo all'estero - Sudamerica ed Europa - alla ricerca di nuovi talenti (anche per il nostro campionato), ai microfoni di Radio Toscana presenta uno degli obiettivi di mercato di almeno tre club di serie A - Palermo, Roma e Fiorentina -, il centrocampista 24enne del Santos, il cui procuratore, Richard Alda, è in arrivo in Italia.

'Arouca lo conosco fin dai suoi primi anni nella Fluminense, ed è cresciuto sia nel trattamento della palla che nell'impostare il gioco - ha aggiunto il 71enne partenopeo -. Non so se il suo club, che deve anche pensare alla Coppa del Mondo del prossimo inverno, se ne libererà con un prezzo accessibile, ma il giocatore c'è, è pronto per la serie A. Così come Malumbu, che è reduce da un'eccellente stagione in Premier League, dove ha stupito tutti per la voglia di migliorarsi. Se arrivasse quest'ultimo, eleverebbe indubbiamente la qualità e la fisicità di una Fiorentina che ha bisogno di rilanciarsi dopo gli ultimi campionati non all'altezza delle aspettative. Nastasic e Romulo? Buoni giocatori, ma non ti cambiano il volto della squadra e vanno saputi attendere visto che saranno al loro primo torneo in serie A, e la difficoltà del nostro campionato, specie per chi non ha esperienza internazionale, è sempre delicata. Il QPR? Dobbiamo puntare alla salvezza, giocando con umiltà e facendo calcio. Veniamo dalla promozione in un campionato in cui si gioca poco a pallone e molto sul fisico. Ci aspettano sfide importantissime e delicate, non dovremmo stravolgere la squadra, ma puntare sulla compattezza del gruppo che ci ha consentito di arrivare in Premier League'.