Commenta per primo

Si gode il mare della sua Ischia, Pino Taglialatela, che con passione continua a seguire le vicende del calcio italiano, con un occhio anche al Mondiale sudafricano. 'Nel napoletano si è presa male l'eliminazione dell'Argentina di Maradona, ed anche io, che sono stato insieme a lui per te anni, sono rimasto amareggiato - ha esordito l'ex portiere anche della Fiorentina intervenendo a Radio Toscana -. La Germania ha preso a pallonate sia l'Inghilterra che l'Argentina, e quest'ultima ha pagato soprattutto il flop di Messi. Mi auguro che Maradona resti c.t. della Nazionale, perché ha dimostrato di saperci fare. Milito ha avuto le sue chance, ma lui puntava su Higuain e Messi, anche se quest'ultimi due non hanno dimostrato il loro vero valore. Il portiere del Portogallo, Eduardo, è stato il migliore del Mondiale, avendo preso un solo gol su azione. Muslera invece ha alternato cose buone ad errori'.

'Quella di Gilardino era una voce messa in giro ad arte. Chiaro che i tifosi avrebbero visto l'attaccante viola come San Gennaro - ha aggiunto Taglialatela -. Il Napoli però temo non abbia la forza economica per acquistarlo. Santacroce ha avuto problemi fisici e comportamentali; non è riuscito a gestire il suo fisico, pur essendo uno dei migliori difensori in circolazione. E' ancora un ragazzino, poco disposto ai sacrifici richiesti ad un calciatore. Mihajlovic? Come tutti i portieri ho preso gol da lui su punizione, nel '96-'97: la palla sembrava andasse in curva, ed invece entrò nel sette. Mi metteva in difficoltà soprattutto sui calci d'angolo'.