27
Il calcio è fermo, il mercato no. L’Inter pensa già alla prossima stagione: la rosa verrà rinforzata, ma si penserà anche a ringiovanire, per quanto possibile. In difesa l’intenzione è quella di blindare de Vrij e il seguitissimo Skriniar. Per Godin, invece, le cose potrebbero andare diversamente.

VERSO L'ADDIO - L’uruguaiano si è dimostrato importante, per il gruppo, per esperienza e leadership. Ma in campo ha sofferto il modulo a 3 di Conte, che lo obbliga a marcare in campo aperto, e a coprire spazi che difficilmente regge. Bastoni lo ha pian piano soppiantato nell’11 titolare, e oggi Godin è un lusso per l’Inter, con i suoi 5 milioni abbondanti di ingaggio a stagione. Non c’è solo questo: a 34 anni lo stesso Diego riflette sul proprio futuro in nerazzurro. Vorrebbe un crepuscolo di livello per una carriera gloriosa, e l’Inter presente e prossima non sembra poterglielo concedere. 
PRESCELTO - Quando si concluderà la stagione si tireranno le somme, insieme alla società. Che intanto pensa al futuro, e continua a seguire Marash Kumbulla. E’ lui il prescelto per rinfrescare la difesa nerazzurra, e lo è da tempo. Il centrale del Verona piace: prospetto come lo è Bastoni e come lo è stato Skriniar. Gli scout lo hanno osservato diverse volte, l’ultima a Udine a metà febbraio. Kumbulla all’Inter verrebbe volentieri, ma Marotta deve prima convincere il Verona che, forte dell’interesse del Napoli, brama un’asta milionaria. La base di partenza, per assicurarsi il classe 2000, è di 25 milioni di euro. Si parte da qui. L’Inter lo ha scelto: per un Godin che può salutare, un ‘nuovo Skriniar’ può arrivare.