64
Le vacanze più brutte di sempre. Robin Gosens avrebbe voluto essere ai Mondiali in Qatar con la Germania, ma il ct Flick non lo ha convocato in nazionale. Troppo pochi i 722 minuti giocati all'Inter in tutto l'anno solare 2022. 

IL BIVIO - Ora l'esterno sinistro (classe 1994 ex Atalanta) deve prendere una decisione sul proprio futuro: restare a Milano per cercare di convincere Simone Inzaghi a dargli più spazio oppure cambiare aria per provare a rilanciarsi altrove? Le proposte non gli mancano, a partire dal Bayer Leverkusen, che ci aveva già provato negli ultimi giorni dello scorso mercato estivo ed è pronto a tornare alla carica per gennaio. Quando altri club sono disposti a dargli una chance: in Inghilterra (il Leicester), ma soprattutto in Germania: il Wolfsburg e, più dell'Eintracht Francoforte, il Borussia Monchengladbach. Dove giocano due calciatori seguiti dall'Inter. 
PEDINA DI SCAMBIO - Il laterale sinistro algerino Ramy Bensebaini (impegnato stasera in amichevole contro la Svezia) e l'attaccante francese Marcus Thuram (convocato da Deschamps ai Mondiali in Qatar con la Francia) piacciono ai nerazzurri. Entrambi sono in scadenza di contratto a giugno, quindi a fine stagione si possono svincolare a parametro zero. Però, per battere sul tempo la concorrenza, Marotta e Ausilio possono intavolare una trattativa con il club tedesco per almeno uno dei due (Thuram ha la priorità e in tal caso il buco a sinistra verrebbe coperto da un giovane tra l'olandese Mitchel Bakker del Bayer Leverkusen e lo spagnolo Jesus Vazquez del Valencia). Un po' come successe nel gennaio del 2020, quando l'Inter prese Eriksen dal Tottenham per 27 milioni di euro. Rispetto ad allora, oggi i dirigenti nerazzurri non hanno a disposizione un budget del genere e quindi utilizzerebbero volentieri Gosens come pedina di scambio. In alternativa devono fare cassa sul mercato in uscita, ma sarà un'impresa vendere (bene) Correa.