Commenta per primo

Ancora in 'tour' in Sudamerica, da Buenos Aires Pep Guardiola parla tra passato e futuro. "In Germania voglio solo continuare a essere un allenatore, non cerco niente di speciale. Sono stato molto felice a Barcellona - racconta il tecnico catalano - Non sono migliore di nessun altro allenatore, vittoria e sconfitta fanno parte del gioco, ho già vinto e perso sia come allenatore che come giocatore. E se non fosse per Cruyff sono sicuro che non sarei qui".

Guardiola col Barca ha fatto la storia, non solo per i titoli conquistati ma anche per il gioco espresso. "Cerco di far sì che i nostri avversari tirino poche volte nella nostra porta e allo stesso tempo che i miei calciatori creino spazi e spezzino gli equilibri, ma quando cominciano le partite è tutto nelle mani dei calciatori e tu come allenatore puoi solo disegnare degli schemi".