Commenta per primo

 

È scontro aperto tra Agsm - l'azienda municipalizzata del gas e altri servizi divenuta sponsor dell'Hellas Verona - e il Chievo, l'altra squadra veronese. L'Agsm, presieduta da Paolo Paternoster, coordinatore scaligero della Lega Nord, oggi ha acquistato un'intera pagina del quotidiano cittadino L'Arena per replicare al Chievo che domenica scorsa, in occasione della sfida con il Novara, ha coperto con teli neri alcuni spazi pubblicitari Agsm-Hellas allo stadio Bentegodi, impianto usato a entrambe le squadre scaligere. Dopo una lunga serie di polemiche giunte fino al Parlamento, Agsm aveva deciso quest'anno di diventare sponsor versando 350mila euro nelle casse dell'Hellas Verona (serie B). Il Chievo ritiene tuttavia che durante le proprie partite quella pubblicità non vada esibita. «Sarebbe come - affermano i sostenitori del Chievo - se quando gioca l'Hellas al Bentegodi capeggiassero le scritte Paluani, che è uno dei nostri sponsor: sarebbe un'assurdità». Da qui l'oscuramento, con teli neri, della pubblicità Agsm che, aggiungono i tifosi clivensi, «non è il nostro sponsor. A rimuovere quei cartelloni avrebbe dovuto pensarci il Comune che ha l'autorità sulla struttura». Nel crescere della polemica, oggi la riposta della municipalizzata, con tanto di pagina acquistata sul quotidiano di Verona e la scritta pubblicitaria 'Cosa c'è sotto? Siamo noi! Agsm, dal 1898 al servizio della citta«, con la foto che ritrae lo spazio pubblicitario coperto dai nylon neri.