64
Guai in vista per il patron del Verona Maurizio Setti. Secondo quanto riferisce un'agenzia Ansa, la Procura di Bologna ha aperto un'indagine nei confronti dell'imprenditore modenese per appropriazione indebita e autoriciclaggio. L'accusa rivolta nei suoi confronti è di aver sottratto indebitamente 6,5 milioni di euro dalle casse del club gialloblù per evitare il fallimento di un'altra società in suo possesso.

Secondo l'indagine della Procura di Bologna, Setti si sarebbe reso "protagonista anche di un'accertata operazione di maquillage contabile per nascondere il passaggio della somma incriminata". La Guardia di Finanzia ha fatto scattare nei confronti del numero uno del Verona il sequestro dei 6,5 milioni di euro che gli vengono contestati.