Commenta per primo
Ormai ci siamo, la stagione 2019/2020 gialloblù sta per partire: domenica alle 18:00 si gioca la prima partita "che conta" contro la Cremonese, valida per le qualificazioni di Coppa Italia. Un'avversaria che si conosce, con la quale l'anno scorso i gialloblù hanno totalizzato due punti nel campionato di Serie B, con due pareggi in andata e ritorno. Ma il bello del calcio è che ogni anno è una nuova storia e anche in questo caso non si possono fare pronostici sicuri.

Quel che è certo però è il nuovo assetto che Juric darà alla squadra, dato che sembra confermato il 3-5-2, con opzione tridente in attacco. Scelta giusta? Decisamente sì, soprattutto in questo tipo di partite dove bisogna cercare di fare gol a tutti i costi. Il parco attaccanti lo si sa, non è del tutto ne completo ne collaudato al massimo, ma con l'aggiunta tattica di un uomo in fase offensiva si potrà vedere dove questa squadra può dare di più. Il problema principale di questo assetto però è la mancanza di una vera seconda punta, ruolo che in tutta la rosa viene ricoperto da pochissimi giocatori. 

Sarà allora fondamentale il settore di centrocampo, che dovrà essere bravo sia a chiudersi quando la squadra si ritroverà inevitabilmente riversata in avanti, sia a proporre giocate utili per gli attaccanti. Pazzini molto probabilmente sarà l'uomo al centro di tutto ciò, vista anche l'assenza di Di Carmine, e spetterà a lui dettare i ritmi e i movimenti dell'intero comparto offensivo (a meno che non si opti per i più giovani, magari in qualche fase particolare della gara). 

Staremo a vedere allora, anche se le premesse, nonostante i vari infortuni (ah! Badu è fortunatamente sulla via della guarigione), sono più che positive. Occhio all'atteggiamento in campo allora, che dovrà fin da subito far dimenticare la brutta stagione di due anni fa, visto che anche i tifosi si aspettano molto soprattutto sotto l'aspetto caratteriale. Per il resto, finalmente il calcio giocato è tornato.