L'ammissione è arrivata dal diretto interessato, che non ha negato che qualche mese fa questo derby avrebbe potuto viverlo dalla parte opposta della barricata. Matteo Politano è stato uno dei giocatori più contesi nell'ultima estate di calciomercato, ma alla fine tra le due milanesi a spuntarla è stata l'Inter. "Colpa" probabilmente anche della piega che ha preso la vicenda Suso, finito a sua volta nelle mire del club nerazzurro in un'estate decisamente turbolenta per il Milan prima di confermarsi a suon di gol e assist come uno deglo uomini simbolo della formazione di Gattuso.
 
PER COLPA DI SUSO - "Contatti con il Milan in estate? Io ero in viaggio di nozze ed ero tranquillo, ci pensava il mio procuratore. Se c'è stata qualche chiamata? Non lo so", ha dichiarato, ridendo, a Sportmediaset l'ex esterno offensivo del Sassuolo. Uno di quei calciatori arrivati a fari spenti, nonostante il costo complessivo dell'operazione imbastita dall'Inter si aggiri sui 25 milioni di euro, ma che si sta ritagliando un ruolo sempre più importante negli schemi di Luciano Spalletti.
Tanto da aver guadagnato un discreto vantaggio nei confronti di Candreva, in vista dell'attesissimo derby di domenica, più in generale nelle gerarchie del tecnico toscano. Storie di incroci mancati, storie di mercato dal finale cambiato per una questione di dettagli. Storie di derby, da rossonero mancato a spauracchio con la maglia dell'Inter (già 2 gol in carriera al Milan). Più semplicemente, Matteo Politano.