2

"Ho ancora l'esaurimento nervoso per la cessione di Hamrin al Milan, quindi figuriamoci se non mi darebbe fastidio la doppia cessione Jovetic-Ljajic. Ma il momento che sta attraversando la Fiorentina, la volontà di rilancio del club, mi fanno essere fiducioso. Mi fido dei dirigenti viola. Mi dispiace, perchè mi affeziono ai giocatori ma credo che ogni singolo debba venire dopo il progetto societario. La tifoseria deve circondare d'affetto la famiglia Della Valle che sta anche conducendo una battaglia a livello economico non semplice e che gli comporterà tanti nemici pure a livello calcistico". Il regista televisivo Paolo Beldì ai microfoni di Calciomercato.com analizza da tifoso della Fiorentina il momento in casa gigliata nel primo giorno di raduno della formazione guidata da Vincenzo Montella.

"Ilicic mi piace molto, qualora arrivasse alla Fiorentina a mio parere sarebbe molto stimolato e permetterebbe a Montella di dare trasformismo alla sua rosa. La squadra gigliata è stata proprio brava l'anno scorso, confermarsi non sarà facile. Servirà umiltà e non fare voli pindarici. Mi auguro che il tecnico sappia far tenere i piedi per terra ai suoi giocatori. Jovetic? Uno che dice che vuole andar via, dopo che è stato aspettato, coccolato e valorizzato, non credo che abbia capito la piazza di Firenze. Mi sono fatto l'idea che non sia serenissimo nelle sue scelte. Per la porta credo che tutto dipenda da Montella che se punterà su Neto avrà tutto il mio appoggio".