117
Handanovic 6: Volo plastico sul colpo di testa preciso ma lento di Farago, che aveva disegnato una traiettoria in pallonetto sul secondo palo. Attento anche quando disinnesca il tiro-cross di Pellegrini. Beffato da una deviazione di Bastoni, non riesce ad intervenire sul tiro di Nainggolan che costa il pareggio ai nerazzurri.

Skriniar: s.v (Esce per capogiri causati da sindrome influenzale).

(Dal 17’ Godin 5: Si ferma a protestare per un’inutile rimessa laterale e lascia libero Joao Pedro di impostare l’azione che porta al gol del pareggio sardo).

de Vrij 6: Simeone gli prende spesso il tempo e lo costringe anche al giallo. Vive un pomeriggio impegnativo.

Bastoni 5,5: Questa volta è sfortunato nel toccare il tiro di Nainggolan, ma su questo tipo di palloni il suo atteggiamento è sempre troppo passivo.

Young 6,5: Partenza timida, poi sale in cattedra con un cross perfetto per Lautaro che vale l’assist dell’1-0. Prende coraggio e San Siro lo esalta con applausi meritati. Si fa notare anche per diagonali fondamentali in fase difensiva.

Barella 5,5: Un gol annullato per posizione di fuorigioco. Ti aspetti maggiori inserimenti ma da ex si sacrifica soprattutto in pressing.

Borja Valero 6: Avvia l’azione dell’1-0. Non può giocare col ritmo di Brozovic ma davanti alla difesa fa il suo e recupera anche molti palloni.

Sensi 6: Al momento di chiudere l’uno-due con Lukaku, litiga col pallone e favorisce il recupero di Walukiewicz. Parte meglio nel secondo tempo, sfiora il gol del 2-0 con un mancino insidioso. Poi ci prova con un destro a giro che finisce di poco alto sopra l’incrocio dei pali.

(Dal 37’ s.t. Sancez: s.v.)

Biraghi 5,5: Dal suo lato si trova un cliente scomodo come Nandez che non gli consente mai di attaccare gli spazi. Avanza poche volte, mai pericoloso, anche se dietro regge botta.

(Dal 40’ s.t. Dimarco: s.v.)

Lukaku 6: Si accende tre volte; la prima per regalare un bell’assist a Sensi, la seconda quando si libera in area di rigore per calciare di poco a lato e la terza, con un’azione poderosa in cui si trascina dietro mezzo Cagliari prima di incrociare il sinistro che sfiora il palo.

Lautaro 6: Prende posizione su Walukiewicz ma fa un tocco in più e da posizione defilata calcia addosso a Cragno. Raccoglie il perfetto cross di Young e di testa sblocca la partita. Si fa espellere per proteste, ingenuità enorme che rischia di costargli anche il derby. Un voto in meno.

Conte 5: L’Inter non sa gestire il vantaggio, lo dicono i numeri. I nerazzurri non sfruttano quello che all’apparenza poteva sembrare un turno favorevole, con la Juve impegnata contro il Napoli e la Lazio alle prese col derby. Sanchez entra sempre un po’ in ritardo.

Cagliari
Cragno 6,5: Mura Lautaro quando l’argentino scappa in area a Walukiewicz, ma non può nulla sul colpo di testa dello stesso argentino che poco dopo sblocca il match. La sfida col centravanti nerazzurro continua quando il “Toro” salta Klavan e di sinistro batte a rete, col portiere sardo pronto a respingere col piede sinistro.

Farago 6,5: Da terzo di difesa, bene si comporta lì dietro e sfiora il gol con un bel colpo di testa sventato da Handanovic.

Walukiewicz 5,5: Bruciato da Lautaro e salvato da Cragno. La lezione serve a poco, immediatamente dopo, l’argentino sbuca alle sue spalle e questa volta batte il portiere sardo. Ancora un po’ acerbo.

Klavan 6: Negli uno contro uno con Lukaku soffre un po’ ma non affonda mai nonostante le difficoltà.

Pellegrini 5,5: Temporeggia quell’attimo di troppo e regala a Young quei centimetri utili che gli consentono di disegnare il cross per la testa di Lautaro.

(Dal 31’ s.t. Mattiello 6: Bravo ad entrare subito nel vivo dell'azione)

Nandez 6,5: A tutta fascia nel 3-5-2 disegnato da Maran. Si conferma calciatore assolutamente duttile e affidabile.

Oliva 6: In Coppa Italia un suo errore all’inizio era costato l’eliminazione ai suoi. Ci mette concentrazione e applicazione, fa girare bene il pallone.

(Dal 29’ s.t. Castro 6,5: Con lui in campo i sardi innescano l’azione con maggiore brio).

Ionita 6: Opposto a Barella, lo contiene alla grande.

Nainggolan 7: I nerazzurri sono tra le sue vittime nerazzurre e trova il il gol anche questa volta. Segna ma non esulta, trascina i suoi.

(Dal 41’ s.t. Cigarini: s.v.)

Joao Pedro 5,5: Si vede poco, ma avvia l’azione del pareggio andando via in palleggio su Godin.

Simeone 6,5: Riceve in area da Nandez, ma da buona posizione spara alto senza centrare lo specchio. Fa a spallate per tutto il match e crea molte difficoltà a de Vrij.

Maran 6,5: Ridisegna il Cagliari col 3-5-2 e porta a casa un punto meritato contro l’Inter di Conte.