140
Edin Dzeko all'Inter? "I nerazzurri lo volevano davvero, ma bisognava aspettare gli ultimi giorni del mercato per una situazione che si sarebbe dovuta chiudere da tempo. Rimpianti? Sarebbe andato molto volentieri a Milano, giocare la Champions era stimolante e l’Inter dà l’idea di essere la squadra più vicina alla Juve". Parole e musica di Silvano Martina, intermediario della trattativa per l'attaccante della Roma. Il rimpianto vero, qualche mese dopo la chiusura del mercato, ce l'hanno proprio Marotta e Ausilio.

DA LUKAKU A LAUTARO ED ESPOSITO, QUANTI PROBLEMI! - Già, perché la situazione nel reparto avanzato per Antonio Conte inizia a farsi complicata: non tanto per il rendimento al di sotto le aspettative fino a questo momento per Romelu Lukaku, quanto per l'infortunio rimediato con la nazionale cilena da Alexis Sanchez, che rischia di tenerlo fuori fino al 2020. A completare il reparto restano Lautaro Martinez, in netta ripresa ma finora mai in grado di dimostrarsi il bomber in grado di trascinare la squadra con le proprie reti, e Matteo Politano, utilizzato dal tecnico leccese come seconda punta ma in realtà più a proprio agio nel ruolo di esterno. Lo stesso Sebastiano Esposito, giovane in rampa di lancio, dovrà probabilmente rinunciare al Mondiale Under 17.

IDEA GIROUD PER GENNAIO - Insomma, la dirigenza nerazzurra sta già pensando di correre ai ripari nel mese di gennaio: il nome sul taccuino è quello del centravanti del Chelsea Olivier Giroud, che potrebbe consentire il giusto agio sia in ottica sostituto di Lukaku, che per forza di cose non potrà giocare tutte le partite tra Serie A, Champions League e Coppa Italia, sia come compagno ipotetico del belga, per andare a formare quella coppia di attaccanti forti fisicamente che Conte voleva mettere in piedi proprio col bosniaco.

LA VOLONTA' DI DZEKO E CONTE ANCORA SFIORATO - Rimpianto per non avere sveltito l'affare Dzeko in estate, anche se effettivamente va detto che la Roma non ha facilitato le cose, nonostante la palese volontà del bosniaco: una trattativa saltata a causa dell'improvviso rinnovo proprio per le eccessive tempistiche. Il desiderio del classe '86 era chiaro, per disputare la Champions, avvicinare ulteriormente la Juve e lavorare finalmente con Conte, che lo insegue da quando era al Chelsea. Ma il destino ancora una volta non li ha fatti incontrare: questa volta a pagarne il fio potrebbe essere proprio l'Inter: la coperta davanti è corta.

@AleDigio89