26
L'Inter di Antonio Conte è sicuramente un cantiere ancora in grande sviluppo, ma fra le tante note positive che il lavoro dell'allenatore salentino sta portando avanti c'è anche la rinascita in campo di Antonio Candreva. L'esterno italiano classe '87 si è letteralmente ritrovato dopo un'annata disastrosa che lo aveva addirittura spinto più volte ad un passo dall'addio.

"FAREI TUTTO PER CONTE" - L'arrivo di Conte ha fatto scattare una molla nell'ex Lazio che ha ritrovato fin dal ritiro estivo stimoli e motivazioni persi durante le stagioni con Spalletti. "​Conte è un grandissimo allenatore. C'è un'aria nuova, darei qualsiasi cosa per lui, qualsiasi cosa mi chiedesse la farei senza timore" dichiarò a inizio anno e le premesse si sono trasformate in risultati.

"ENTRARGLI IN TESTA" - Si perché le prestazioni di Candreva da inizio anno sono sempre state positive (media voto ampiamente superiore al 6), adattandosi alla perfezione al nuovo-vecchio ruolo di esterno a tutta fascia nel 3-5-2 trovando anche un gol entrato negli annali anche per la celebrazione insieme. Il segreto non può che essere Conte che in conferenza stampa oggi ha ribadito come: "​è un ragazzo a cui devi entrare nella testa, ci devi lavorare. Ha grandi potenzialità, ma anche continuamente bisogno di conferme. Anche da lui mi aspetto una crescita So che può fare ancora molto di più".

ORA IL RINNOVO - Esterno a tutta fascia, all'occorrenza anche mezzala, questo Candreva è tornato ad essere centrale nell'Inter allontanando le voci della scorsa estate che lo volevano a un passo dal Monaco in uno scambio con Keita. Non ha voluto andarsene un anno fa e ha anche prolungato di un anno fino al 2021 andando incontro alla società per questioni di bilancio ma ora, sul campo, Candreva si sta guadagnando un altro prolungamento. Le parti hanno già iniziato a parlare di rinnovo fino al 2022 e presto potrebbe essere accontentato. Per il bene suo e della nuova Inter di Conte.