38
Antonio Conte, tecnico dell'Inter, ha parlato dopo la vittoria contro il Ludogorets ai microfoni di Sky Sport: "Diciamo che il primo tempo i ritmi sono stati bassissimi, ci siamo adeguati alla situazione. Il secondo tempo abbiamo cambiato ritmo giocando palla molto più veloce, abbiamo trovato il gol e altre situazioni nelle quali potevamo segnare".

Le nuove soluzioni tattiche?
"Stiamo provando soluzioni a partita in corso per avere le giuste alternative. Di volta in volta vediamo qual è la situazione migliore per dare qualche cambiamento. Fermo restando che c'è una costante: le due punte".

Eriksen?
"Lui deve lavorare. Penso che possa fare molto meglio di quello che si è visto oggi. Sono contento per lui perché il gol dà fiducia ma deve ritrovare il ritmo e l'intensità che l'hanno contraddistinto al Tottenham. Non ha trovato ancora la giusta condizione fisica ma noi siamo tranquilli. Sappiamo di aver preso un giocatore che alza la qualità anche a partita in corso. Non può diventare un problema: bisogna stare senza ansia. Io penso al bene dell'Inter, qualcun altro pensa alla novità e a qualcosa di diverso. Io penso a come inserirlo al meglio e a fargli trovare la condizione per 90 minuti".
Il turnover?
"La nostra strada in Europa League sarà questa, effettuando le rotazioni per dare spazio anche a chi ha giocato un po' di meno ma merita di avere più spazio. Dobbiamo andare più avanti possibile cercando di continuare su questa linea. Non dimentichiamo che l'Europa League può spappolarti dal punto di vista fisico e mentale".

La situazione di Handanovic?
"È una situazione che controlliamo di giorno in giorno. Abbiamo fiducia in Daniele Padelli e nel momento in cui sarà pronto riprender il suo posto. Fino a quel momento continuiamo con Padelli".