33
Era un promesso sposo nerazzurro. Ci ha sperato per giorni, settimane, un mese intero: Javier Pastore doveva essere dell'Inter, ha rifiutato offerte dalla Premier League pur di tornare in Italia, non se ne è fatto nulla. Ma questa è una storia vecchia, che vi abbiamo raccontato in tutte le puntate dell'affare mancato per il Flaco dal PSG alla corte di Spalletti. Ma cosa sta succedendo in vista di giugno? L'Inter è davvero ancora in corsa per Pastore come si è vociferato per settimane?
STOP INTER - Dall'inizio di marzo, quando Walter Sabatini si è attivato per lasciare Suning e il progetto nerazzurro, si è completamente interrotto qualsiasi discorso per Pastore all'Inter nella prossima estate. Al momento l'argentino non è ritenuto una priorità: Brozovic è stato recuperato, Rafinha sta avendo un ottimo rendimento, Gagliardini convince a pieno. Di certo l'Inter farà investimenti a centrocampo, ma per costi e caratteristiche al momento non è più Pastore il preferito dalle parti di Corso Vittorio Emanuele. Naturale il legame con Sabatini, dirigente che lo portò in Europa ai tempi del Palermo; ma a prescindere da questo, l'Inter ha scelto di concentrarsi su altre operazioni accantonando da settimane il discorso Pastore. Il destino del Flaco rimane tutto da scrivere, ma dietro le quinte oggi non c'è più Milano in prima linea. Se poi diventasse un'occasione di mercato, magari legata alla stangata Fair Play che può arrivare per il PSG, le cose potrebbero cambiare. Oggi, solo uno scenario di un matrimonio che rischia di non consumarsi mai più.