1
Intervistato da Dazn, il difensore dell'Inter, Stefan de Vrij, ha affrontato diversi argomenti ed evidenziato la differenza che c'è tra Simone Inzaghi e Antonio Conte. 

LA PASSIONE PER IL PIANOFORTE -  “Ho iniziato durante il lockdown perché il pianoforte mi piace da tanto e in quel periodo avevamo tutti più tempo. Ho imparato da solo, da autodidatta. Sono cresciuto con la musica rock, ricordo che andavamo in vacanza in auto e i miei mettevano i cd dei Dire Straits, ma anche dei Nirvana. Poi mio fratello, con cui condivido gli stessi gusti musicali, mi ha detto «dovresti ascoltare questa», era musica classica. Da lì è nata la mia passione per il pianoforte”. 

TUTTO IN BICI -  “Sono cresciuto in un paese piccolo di 5 mila abitanti, Ouderkerk aan den IJssel, e andavamo tutti in bici, ci andavo anche a scuola o all’allenamento. Anche quando giocavo titolare al Feyenoord, mi capitava di andare allo stadio in bici e poi prendere la metro con i tifosi che mi chiedevano «oh, ma che fai? Non devi giocare?» E io rispondevo Si, sto andando anche io allo stadio”. 
DIFFERENZE TRA CONTE E INZAGHI  - “Sono due allenatori che hanno avuto ragione perché hanno vinto. Con Inzaghi sono cresciuto tanto alla Lazio, Conte ha una carriera importante, ha vinto ovunque e dopo aver lavorato con lui ho capito perché. Ha lasciato una squadra vincente, giochiamo da tanto insieme e questo si vede. Inzaghi ha trovato una base e adesso sta facendo un lavoro importante, vedete come i terzi di difesa sono spesso nell’area avversaria”.

LA DIFESA A 3  - Per me non è più facile di quella a 4, serve ancora più comunicazione perché devi rompere più spesso la linea e uscire. Non è più facile. Le uscite ce le chiamiamo a vicenda”.