5
Ezequiel Lavezzi e l'Inter, un binomio quasi automatico. Per ogni sessione di calciomercato scatta l'accostamento. Ma quanto c'è di vero questa volta nel nome del Pocho accostato alle idee di Erick Thohir? Ad oggi, in realtà, la situazione è molto chiara. Da parte di Piero Ausilio, un sondaggio informativo con gli agenti di Lavezzi c'è stato. Un contatto risalente a fine novembre, quando l'argentino ha alzato la voce spiegando al Paris Saint-Germain a chiare lettere di volere più spazio, essendo costretto altrimenti a prendere in seria considerazione le proposte di mercato che non gli sono mai mancate.
IL PROBLEMA E' IL PREZZO - Un fattore determinante, la volontà del Pocho? In chiave Inter importante sì, determinante no. Perché subentra la questione economica. In questo contatto, secondo quanto risulta a Calciomercato.com, dall'entourage di Lavezzi è stato confermato ad Ausilio il prezzo del cartellino dell'ex Napoli: 20 milioni, questa la base di richiesta da parte del PSG. Senza il minimo pensiero attuale a sconti o prestiti, anche perché Ezequiel ha il contratto in scadenza nel 2016 e un prestito sarebbe dal punto di vista economico poco sensato. Da parte dell'Inter, ad ora, non c'è possibilità di un'offerta per Lavezzi a queste cifre. E anche le cifre che chiede il Pocho di ingaggio non sono basse: al PSG ha chiesto almeno 6 milioni visto l'alto tetto ingaggi del club per rinnovare, cosa che a queste condizioni tecniche come economiche non accadrà; cambiando società si 'accontenterebbe' di circa 4 milioni con bonus. Insomma, affare complicatissimo a queste condizioni. Dall'entourage di Lavezzi filtra l'assoluta volontà però da parte di Ezequiel di giocare ed essere protagonista: presto ci sarà un faccia a faccia col PSG per chiarirsi, in caso contrario si potrà procedere ad analizzare le richieste di mercato. Ma per l'Inter - a queste cifre - resta un'operazione ai limiti del possibile.