Aumentare gli introiti. E' questa è la linea guida per ogni club ambizioso, questo è l'obiettivo per un qualsiasi squadra che voglia sognare in grande. In quest'ottica l'Inter, nei primi due mesi di stagione, ha fatto dei passi da gigante. La Gazzetta dello Sport dà i numeri: sono già entrati nelle casse nerazzurre 54 milioni di euro, una somma alla quale si arriva sommando i 38,9 milioni per la sola partecipazione al girone, i 5,4 milioni per le due vittorie (2,7 l’una) con Tottenham e Psv, e i 10 milioni di euro prodotti dalle prime cinque partite giocate in casa (3,5 solo nella gara con gli Spurs). Cinquantaquattro milioni, più o meno il 20% dei ricavi considerando l'ultimo bilancio dell'Inter al 30 giugno scorso. Tutto questo meno di 60 giorni.

TIFOSI PRESENTI - L'Inter gioca in Champions League e ha consegnato a Spalletti una squadra competitiva, in grado lottare per traguardi importanti, il resto lo stanno facendo i tifosi. L'anno scorso sono stati i più presenti d'Italia (i noni d'Europa) con una media di 57 mila per partita, nelle prossime partite, contro Milan e Barcellona, torneranno a riempire San Siro. Non c’è ancora l’ufficialità, ma in entrambi i casi si viaggia verso il tutto esaurito, proiezioni ampiamente sopra le 70 mila presenze, con incassi da 5 milioni di euro per ciascun match. Insomma, l’incremento dei ricavi del club significa che la prossima estate l’Inter avrà un maggiore raggio d’azione sul mercato. Grazie anche ai suoi supporters.