89
Inter-Empoli 3-2 dopo i supplementari

INTER

Radu 5,5: Attento nelle uscite, gioca con buona personalità. L’intervento su Cutrone, un po’ sfortunato e un po’ goffo, gli causa l’autogol.

D’Ambrosio 6,5: Sul centro-destra, sempre puntuale negli interventi, non sbaglia mai il tempo. L’errore lo commette in area avversaria, quando non calibra bene un comodo colo di testa.

Ranocchia 7: Primo tempo di grande concentrazione, poi perde qualche colpo e al 75’ un suo liscio manda in porta Cutrone, per fortuna dell’Inter c’è Radu a dirgli di no. Va in difficoltà e sbaglia anche qualche lettura difensiva, ma si fa perdonare tutto quando al 90’ va in area avversaria e segna un gol alla Boninsegna. Come fosse un centravanti navigato, fa scendere il pallone quanto basta e poi quasi in sforbiciata, incrocia il destro all’angolino per il 2-2 in extremis.

Dimarco 5,5: Soffre un po’ Bajrami, che non gli dà riferimenti.

(Dal 20’ s.t. Perisic 6,5: Alza il ritmo e riparte con continuità, anche se sbaglia molti cross e qualche scelta).

Dumfries 7: Partita gagliarda, condita anche da due assist e tante tante sgasate.

Vidal 6,5: Tra i migliori in campo fino al momento della sostituzione. Esce contrariato ma si accomoda in panchina e si gode il match.

(Dal 19’ s.t. Barella 6,5: Su tutti i palloni, con furia).

Gagliardini 5,5: Fatica a fare ciò che gli chiede Inzaghi e con lui in mezzo il palleggio zoppica.

Vecino 5,5: L’Inter lo ha tolto dal mercato e lo terrà fino a giugno, ma evidentemente ciò non basta a renderlo meno distratto. Sbaglia tanto.

(Dal 20’ s.t. Calhanoglu 6: Mette la sua qualità al servizio della squadra, con il suo ingresso la manovra trae beneficio).

Darmian 6: Gioca a sinistra per lasciare spazio a Dumfries sull’altra fascia. Poche iniziative.

Lautaro 5,5: Le cose migliori le fa quando si defila e per un attaccante non è mai una bella notizia.

(Dal 4’ p.t.s. Sensi 7,5: Quanto è strano il calcio. Con un piede è già a Genova, con l’altro fa il gol del 3-2 e manda avanti l’Inter in Coppa Italia).

Correa: s.v.

(Dal 5’ Sanchez 7,5: Gol e assist, il leone ruggisce ancora. Ha ragione: deve giocare).


Inzaghi 6,5: Altri 120’, ma l’Inter ne esce ancora a testa alta. Da rivedere i primi 30’ del secondo tempo.
EMPOLI

Furlan 6,5: Mura Dumfries, lanciato a rete da un errore di Viti. Bravo anche in occasione del doppio intervento su Lautaro, non angolatissime le conclusioni, ma da distanza ravvicinata. Incolpevole sui tre gol nerazzurri.

Marchizza 5,5: Dumfries accelera e fa male, lui esce raramente dalla sua metà campo.

(Dal 40’ s.t. Ismajli 5,5: Entra per dare vigore alla difesa, non riesce a perseguire l’obiettivo).

Viti 5: Sanchez gli fa vivere una pessima serata. Perde palloni pericolosissimi.

Romagnoli 5: Scaltro e un po’ falloso. Si aiuta sempre con il fisico e tiene botta ma poi combina la frittata regalando all'Inter la palla che porta al 3-2 di Sensi.

Fiamozzi 6: Non brilla per spinta, scolastico.

(Dal 26’ s.t. Stojanovic 5,5: Entra un fresco Perisic dalla panchina e per lui, se

Asllani 6,5: Tra le linee crea qualche problema ai nerazzurri, specie al rientro dagli spogliatoi dopo il primo tempo, quando l’Empoli costringe l’Inter ad arretrare.

Dal 7’ p.t.s. Fazzini: s.v.)

Stulac 6: In cabina di regia con buona personalità, ma cala alla distanza. Ci prova su punizione, niente di speciale.

Bandinelli 5,5: Dal suo lato l’Inter penetra agevolmente e Andreazzoli lo lascia negli spogliatoi al termine dei primi 45’.

(Dal 1’ s.t. Henderson 5,5:  Fisicità e giocate rapide, sempre precise. Ma dura poco, inspiegabilmente). 

Zurkowski 5,5: Andreazzoli non è contento del suo approccio e dopo un paio di tentate sveglie, decide di toglierlo dal campo.

(Dal 1’ s.t. Bajrami 7: L’Inter gli concede tanto spazio in area di rigore e lui, con quella tecnica che si ritrova, si accomoda il pallone sul sinistro e calcia all’angolino. Ha tante soluzioni e toglie all’Inter quei punti di riferimento che nel primo tempo le avevano fatto comodo).

Cutrone 7: Indemoniato, sente aria di derby e lotta su ogni pallone. Impegna continuamente la difesa nerazzurra ed è suo il colpo di testa del 2-1 che sbatte sotto ala traversa e trova la deviazione di Radu prima di infilarsi in rete. Tecnicamente un autogol, ma c’è tanto di suo.

Pinamonti 5: Si perde tra le maglie della difesa nerazzurra, non ne prende una.

(Dal 1’ s.t. Ricci 6: Ottima qualità in palleggio e buona gamba. L’Empoli cresce anche grazie alle sue idee).


Andreazzoli 6,5: Comprende le difficoltà della propria squadra e negli spogliatoi cambia formula, indovinando tutti i correttivi. Poi l’Inter ricorre a qualche titolare in più e con un pizzico di fortuna riagguanta il match allo scadere. Buona prestazione della sua squadra a San Siro.