186
INTER 

Handanovic 6,5
: Metà stadio soffoca in gol la gioia del gol quando sventa miracolosamente la conclusione di Badelj diretta all’incrocio dei pali. Si distende sulla sua destra e mura anche il tiro insidioso di Castrovilli. Sul gol di Vlahovic sembra poter intervenire ma la conclusione lo beffa. 

Skriniar 5: Rincorre invano in campo aperto il veloce Vlahovic che conclude la cavalcata insaccando il pallone alle spalle di Handanovic. Troppo morbido, avrebbe potuto e dovuto spendere il fallo. Errore grave. 

de Vrij 6: Sotto pressione, riesce ad impostare meno del solito ma in difesa non balla. Ingaggia molti duelli con Boateng e non ne perde mai uno.

Bastoni 6: Da quel lato la Fiorentina spinge molto e il cartellino giallo rimediato quasi all’inizio non gli facilita il compito. Non demorde e spesso esce palla al piede facendo respirare i suoi. Esce acciaccato

(Dal 43’ s.t. Godin 5: Entra male, decisamente male. Errore di valutazione a partita finita, tenta un anticipo a metà campo e lascia sguarnita la retroguardia. Spazio in cui si infila perfettamente Vlahovic per andare a segnare il gol del pareggio.

D’Ambrosio 5,5: Si limita a contenere Dalbert e offende ben poco. 

Vecino 5: Prestazione alla Vecino, si accende per pochi secondi e si spegne per parecchi minuti. Un lusso che la mediana dell’Inter non può permettersi.

Brozovic 6,5: Geniale quando premia l’inserimento di Borja Valero per l’assist che vale l’1-0 nerazzurro. Una perla in una partita che continuerà sui binari della normalità. 

Borja Valero 7: Lato Fiesole, danza in area di rigore, elude l’intervento di Milenkovic e fredda Dragowski sul primo palo. Davanti al suo ex pubblico sfodera una gran prestazione. 

(Dal 39’ s.t. Agoumé 4,5: Entra in una bolgia che lo confonde e in pochi minuiti riesce anche lui ad evidenziare qualche lacuna. Cosa combina sul gol viola con complice Politano?)

Biraghi 5: Vedi il voto di D'Ambrosio. Ma Lirola dal suo lato sguscia molto di più rispetto a Dalbert sulla corsia opposta. 

Lukaku 4,5: Sbaglia stop e appoggi semplici e spreca un gran contropiede. Pericoloso con un colpo di testa sventato da Dragowski. Propone il bis della bruttura vista in Champions: solo davanti al portiere spara forte e lo colpisce. Anche questa volta l'errore è fatale

Lautaro 6: Ingiustamente ammonito salterà la sfida contro il Genoa. Lotta contro la difesa viola e fa salire la squadra, niente di scontato considerando la giornata assolutamente no di Lukaku, che in pratica lo lascia solo. 

(Dal 39’ s.t. Politano 4,5: Ingresso pessimo, un brutto pasticcio tra lui e Agoumé innesca il contropiede che porta al gol della Fiorentina). 


Conte 5: Risorse ridotte all'osso, ma i cambi sono incomprensibili. Lautaro poteva e doveva rimanere in campo e non era la partita del 17enne Agoumé.  Fiorentina-Inter 1-1

FIORENTINA  

Dragowski 6.5
: Per distacco il migliore dei viola, se il risultato è rimasto in bilico fino agli ultimi minuti è tutto merito suo. Una parata da favola su Lukaku e tante altre buone chiusure.

Milenkovic 5: Passa la partita rincorrendo Borja Valero, che non è un velocista, e questo già potrebbe racchiudere la sua partita. Sbaglia tanti interventi, perdendosi lo spagnolo in occasione del primo gol, e compie tantissimi falli. Prestazione da dimenticare.

Pezzella 6: Il capitano è l’ultimo a mollare, come sempre. Lotta e incita i compagni per tutta la gara, facendo anche una grandissima chiusura su Lukaku lanciato a rete.

Caceres 6: La sua esperienza, in partite come questa è oro colato. Lotta fino alla fine tenendo la Fiorentina a galla.

Lirola 5.5: La corsa è costante, non molla mai e mette in mezzo tanti palloni, non sempre perfettamente calibrati. Sta crescendo, ma deve ancora migliorare.

Pulgar 5.5: Sgomita e non tira mai indietro la gamba, ma non è preciso e lucido come altre volte. Quando si trova ad essere l’unico playmaker regge il centrocampo, facendosi trovare attento in fase difensiva.

Badelj 5.5: In mezzo al campo la Fiorentina soffre, ma Badelj lotta, e soprattutto nel primo tempo gioca su buoni ritmi. I tiri più pericolosi della Fiorentina nella prima frazione sono del croato, che impegna Handanovic alla grande parata. Cala con i minuti e Montella opta per gli inserimenti di Benassi.
(20’ s.t. Benassi 6: Si vede il suo apporto alla gara, partecipando alla manovra offensiva.)

Castrovilli 5.5: Ci prova, ma anche lui non è brillante come al solito. Tenta qualche giocata e una buona conclusione da lontano, poi il vuoto. Soffre la fisicità dell’Inter, subendo svariati falli.
(38’ s.t. Eysseric SV)

Dalbert 6: Duro nei contrasti, sempre presente e tanta corsa, si può riassumere così la gara del brasiliano, che sulla fascia corre per 90 minuti più recupero.

Chiesa 5: Partita incolore del numero 25 viola, mai pericoloso e senza mordente. Dovrebbe risolvere le partite della Fiorentina, ma non compiccia niente in 60 minuti. Esce tra i fischi del Franchi.
(14’ s.t. Vlahovic 7: Entra e salva la Fiorentina con un gol meraviglioso, partendo da centrocampo e portando a spasso per il campo Skriniar. La sua giocata vale un punto e tanto ossigeno per la Fiorentina.)

Boateng 6: Non molla fino alla fine, sgomita per tutta la partita e giostra bene qualche pallone interessante. Di testa in area non è preciso, ma il suo carisma serve tanto a questa squadra.

Montella 5.5: Si salva all’ultimo respiro grazie ad un miracolo di Vlahovic, anche se la gara dei viola non è stata affatto brillante. Qualche perplessità per i cambi, con Eysseric in campo a sorpresa. C’è tanto da lavorare e la sua panchina è tutto fuorchè salda.