60
Romelu Lukaku ha messo nel mirino la Roma. L'attaccante belga, reduce dal mese di stop a causa del problema al flessore che lo ha fermato dopo il match contro la Lazio, è intenzionato a riprendersi la scena con la maglia dell'Inter. Per tirare fuori i suoi compagni e Simone Inzaghi dalle secche delle prime avvisaglie di crisi: da qui alla sosta di novembre per il Mondiale, altro obiettivo ben presente nella testa del gigante belga, i nerazzurri sono chiamati ad affrontare una serie di esami per comprendere le loro ambizioni stagionali dopo una partenza estremamente a rilento, soprattutto in campionato.

LA VOLONTA' DI ROMELU - Ma Lukaku guarda anche più avanti e ad un futuro che, dipendesse esclusivamente da lui, sarebbe sempre a tinte nerazzurre. A fine stagione si concluderà il prestito dal Chelsea, che detiene ancora il suo cartellino e che soltanto poche settimane fa ha dato il benservito ad uno dei principali antagonisti del centravanti nella sua complicata esperienza bis in Premier League, quel Thomas Tuchel con cui i rapporti umani non sono mai stati idilliaci. Servirà questo a far cambiare idea a Lukaku in merito alla squadra per cui giocherà a partire dalla prossima stagione? Ad oggi è dato sapere che l'Inter e la società inglese, dall'alto dei buoni rapporti esistenti tra le due dirigenze, si parleranno e proveranno a raggiungere un accordo che soddisfi tutte la parti. Certo, la volontà del giocatore di tornare ad essere a tutti gli effetti dell'Inter avrà un peso nella trattativa, così come andrà tenuta in considerazione la necessità dei Blues di non svalutare eccessivamente un investimento da 115 milioni di euro sostenuto poco più di un anno fa.
RITORNO IN GRUPPO - Tra le ipotesi sul tavolo quella di un rinnovo dell'attuale prestito con la promessa di rivedersi nell'estate 2024 e trovare un accordo per una cessione a titolo definitivo: idee, sondaggi, oggi piuttosto prematuri, considerando il complicato momento societario dell'Inter e ignari di quelle che saranno le valutazioni del nuovo allenatore del Chelsea Potter sul destino di Lukaku e del direttore sportivo che la società londinese dovrà individuare nelle prossime settimane per occuparsi delle strategie di mercato imminenti e future. La Roma nel mirino, sperando che gli esami di routine di martedì prossimo diano il definitivo via libera ad un ritorno in gruppo a pieno regime per provare ad essere titolare da subito contro i giallorossi, ma con uno sguardo già rivolto a quello che sarà nell'estate prossima. E una forte speranza a tinte nerazzurre.