88
Beppe Marotta, ad dell'Inter, parla ai microfoni di Dazn prima del derby con il Milan: "Da qui in avanti ci sono tantissime partite e quindi quella di stasera non è determinante se non sul piano dell'emotività. Entrambe le squadre vogliono vincere e questa è la grandissima motivazione. Poi ci sono tante giornate davanti, anche se la cavalcata del Napoli è straordinaria e merita il primo posto. Noi dobbiamo conquistare un posto per la Champions League".

L'ex nerazzurro Materazzi, ospite di Daznfa i complimenti a Marotta per la gestione del caso Skriniar, e Marotta risponde: "Grazie, anche se c'è un po' di tristezza perché potevamo gestire meglio. Ma lui è un professionista, fa le scelte che vuole. Non gli abbiamo dato la fascia di capitano perché ci sono valori importanti che vanno condivisi. Se non ci sono, non si può indossare. E' un provvedimento severo, ma per il resto Milan deve giocare facendo gli interessi e della società e dei tifosi che credono in lui".

Poi il dirigente nerazzurro allarga il discorso alle difficoltà della Serie A in questo periodo storico: "Sono pagine che leggeremo ancora, questo ormai è diventato un campionato di seconda fascia, di transizione; dobbiamo abituarci a vedere i giocatori andare altrove. In cosa poteva essere gestita meglio? E' un diritto di giocatori e agenti negoziare, noi prendiamo atto. Poi i sentimenti vengono gestiti come si crede meglio".