277
Un sogno, un'utopia. Leo Messi in Italia, sulle orme di Cristiano Ronaldo. Un'idea stimolante, un affare difficile, ma secondo La Gazzetta dello Sport tutt'altro che impossibile. Il quotidiano milanese fa i conti e racconta quelle che sono le condizioni per l'Inter. La prima è legata al cartellino: ​immaginare una separazione anticipata rispetto alla scadenza del contratto del 2021 è ipotizzabile solo ed esclusivamente di fronte alla possibilità che Messi chieda e ottenga di essere lasciato libero gratis. Perché nessuno a Barcellona può passare alla storia come il presidente che ha venduto Messi.

STIPENDIO - L'ingaggio sarebbe ovviamente monstre, ma il Decreto Crescita permetterebbe all'Inter di 'trasformare' i 50 milioni di euro netti all'anno (senza bonus) in un costo per le casse nerazzurre di 65 milioni di euro lordi a stagione (per un legame di quattro anni), poco di più dei 58 che paga la Juve per CR7. L'arrivo di Messi avrebbe ovviamente dei benefici economici per il brand, Zhang lo sa e nei mesi scorsi ha sondato il terreno. Oggi vedere la Pulce all'Inter è un sogno, ma a volte i sogni diventano realtà.