59
Nulla è cambiato, almeno per il cartellino. L'Inter non ha fatto altre valutazioni, con il Sassuolo si è impegnata a riscattare Stefano Sensi e così farà, resta solo da capire come e quando. La stagione complicata del centrocampista cresciuto nel Cesena che, complice gli infortuni, non gioca una partita ufficiale dal 13 giugno (pochi minuti nel finale del ritorno delle semifinali di Coppa Italia contro il Napoli), non ha cambiato i piani, Marotta investirà i 20 milioni pattuiti, bisogna solo discutere le modalità di pagamento (e magari di un piccolo sconto).

INCONTRO - Con Carnevali, amministratore delegato del club emiliano, ci sarà un incontro una volta che sarà terminata la stagione nerazzurra (l'Inter gioca lunedì contro lo Shakhar Donetsk, l'eventuale finale di Europa League contro Siviglia o Manchester United, è in programma venerdì 21 agosto), il discorso potrebbe allargarsi ad altri giocatori come il baby Pirola, che Conte ha fatto esordire in Serie A a Ferrara contro la Spal, e Scamacca, attaccante classe 1999 di proprietà del Sassuolo, quest'anno a segno 9 volte in prestito ad Ascoli.

IN CAMPO - Fuori dal campo il futuro è definito, sul campo potrebbe esserci una novità per il 25enne di Urbino. Conte valuta la possibilità, in assenza dell'infortunato Sanchez e in alternativa a Lautaro, di schierare due trequartisti alle spalle dell'intoccabile Lukaku, individuati in Eriksen e proprio Sensi. Un'idea a match in corso, che regalerebbe all'Inter qualità e imprevedibilità. Dopo le panchine contro Getafe e Bayer Leverkusen Sensi a voglia di tornare protagonista. Anche per part-time.