144
Due settimane a disposizione per concludere l'acquisto di un attaccante di scorta che copra le falle lasciate dagli infortuni di Luis Suarez e Ousmane Dembelé. Poco tempo per un Barcellona dalle idee tutt'altro che chiare su come sfruttare la chance che la federazione spagnola concede per ovviare soprattutto al gravissimo infortunio muscolare del giocatore francese, operato ieri in Finlandia e costretto a uno stop di 6 mesi. 15 milioni di euro l'investimento previsto, pochi per trovare un giocatore in grado di fare la differenza, anche perché si vuole arrivare all'estate con ben altra disponibilità per sferrare l'attacco all'interista Lautaro Martinez.

IL SI' DI LEO - E' questa la convinzione della stampa vicina ai blaugrana, che vedono nell'argentino il rinforzo più adatto dal punto di vista tecnico e tattico, oltre ad essere quello più gradito a Leo Messi, suo compagno in nazionale. La clausola di 111 milioni di euro e l'ingaggio di soli 1,5 milioni percepito all'Inter vengono ritenute condizioni decisamente accessibili in vista di giugno, sempre che Marotta e Ausilio non raggiungano prima l'intesa per prolungare il contratto e ritoccare alcune condizioni.
PISTE COMPLICATE - Nell'immediato, restano sul tavolo i nomi di Angel (Getafe), Gameiro e Rodrigo del Valencia, Lucas Perez del Deportivo La Coruna e soprattutto Willian José della Real Sociedad. Un profilo gradito alla dirigenza del Barcellona ma, contrariamente ad alcune indiscrezioni circolate nella giornata di ieri, non c'è alcun accordo economico con la sua società, che dopo il "no" al Tottenham delle scorse settimane pretende non meno di 50 milioni di euro per liberarlo subito.