63
Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter, ha parlato a Sky Sport dopo lo 0-0 contro l'Eintracht Francoforte: "La considerazione va alla prestazione e non al risultato, quando sei dentro certi confronti dentro o fuori anche il primo dei risultati viene inghiottito dal secondo e si vede quando si tirano le somme se è stato un buon risultato".

SUL RIGORE - "Per me Brozovic lo sa battere, come Perisic e Politano. I giocatori sanno benissimo calciare dagli 11 metri, poi si può anche sbagliare. In partite difficili, dove siamo pochi come calciatori, si va a scegliere anche in base alle sensazioni. Lui ha voluto batterlo convinto, è giusto così". 

SU ICARDI - "Io devo pensare alle vicende che mi vengono raccontate e ai giocatori a mia disposizione. Poi voi rimestate sempre nel pentolone... Anche oggi ci mancavano tanti giocatori anche a centrocampo, quando vi fa comodo però non ve ne frega nulla. Noi eravamo a posto, poi la prossima sarà così. Diventerà importante riavere Keita. Poi per le altre situazioni non sono l'uomo giusto, io devo allenare bene la squadra. C'è Marotta che ha parlato quindi è giusto andare da quelli che hanno avuto il contatto. Come ha risposto a me lo sapete, cioè che non era pronto".

SU CEDRIC - "È discreto, sa fare tutto e ha due piedi per costruire il gioco perché la imbuca bene. Gli manca la fisicità, all'estero queste squadre sono costruite dal punto di vista fisico. Se non si usano i centrali difensivi noi abbiamo qualche difficoltà, come ti pressano devi andare sui duelli e sulle palle buttate addosso e si hanno difficoltà".
SU PERISIC - "Ci ho parlato anche a fine primo tempo, ha un affaticamento ma pensiamo di aver fatto il cambio in tempo e di poterlo recuperare in breve. Lui poi è un cavallo e queste cose muscolari le riassorbe rapidamente".

ANCORA SU ICARDI - In conferenza stampa, poi, Spalletti ha dichiarato: "Icardi non l'ho visto, solo l'altro giorno quando ci siamo parlati. Secondo il dottore aveva fatto il ciclo delle cure, ma lui ha detto di no. Io ho incassato e sono tornato a casa, parlate e chiedete a Marotta".

SU KEITA - "Dobbiamo vedere com'è andato l'allenamento di oggi. Non sarà facile recuperarlo al 100% contro la SPAL. Purtroppo siamo un po' in difficoltà ma la squadra dovrà tirare fuori qualcosa di super, il compitino non basta a questo punto della stagione, dobbiamo pensare al risultato che dobbiamo fare. La prestazione deve essere super, il record di quello che un giocatore può dare".