Bastone e carota. Asamoah applaude Chiesa, ma allo stesso tempo lo accusa di simulazione. Il terzino sinistro ghanese ha dichiarato a Inter Tv dopo la partita vinta 2-1 con la Fiorentina: "Chiesa ha gamba, è forte e intelligente. Avevo già giocato contro di lui, ma a un certo punto non lo sopportavo più perché andava sempre giù per terra senza che io gli facessi nulla di male". 

In realtà Asamoah su Chiesa ha commesso un paio di falli, che avrebbero anche potuto costargli l'espulsione per doppia ammonizione. Nell'occasione il pubblico di San Siro ha fischiato l'attaccante viola, intonandogli il coro: "Scemo, scemo!". Atteggiamento frutto del momento concitato della partita, quando gli avversari fanno paura e vengono visti come nemici senza guardare in faccia a nessuno.

Però, ragionando a mente lucida, Chiesa è il giovane talento più promettente del calcio italiano (lo ha confermato pure ieri sera in campo) e non può essere trattato come un Sepe qualsiasi. Il portiere del Parma era stato bersagliato dai tifosi nerazzurri per le sue continue perdite di tempo antisportive. Anche perché prima o poi Chiesa farà un salto in avanti nella propria carriera e dovrà scegliere in quale squadra trasferirsi dopo la Fiorentina. Ricordate gli applausi dei tifosi juventini dopo il grande gol in rovesciata di Cristiano Ronaldo a Torino?