32
Lo spogliatoio, il tunnel e poi l’ingresso sul prato di San Siro: un percorso che questa sera Armando Izzo compirà da calciatore del Torino ma che nella prossima stagione potrebbe diventare un’abitudine per il difensore napoletano. Non è infatti un mistero che il numero 5 granata sia uno (ma non l’unico) dei giocatori che l’Inter sta seguendo con maggiore attenzione per rinforzare il proprio pacchetto arretrato: per questo motivo Izzo stasera avrà una motivazione in più per rendersi protagonista di una partita di alto livello. 

CAIRO APRE ALLA CESSIONE - Dopo aver saltato per squalifica la gara contro il Brescia dello scorso turno di campionato, il difensore al Meazza tornerà nella sua consueta posizione di centrale di destra nella retroguardia a tre di Moreno Longo. Oltre che ad aiutare il suo Torino a raggiungere il prima possibile la salvezza, Izzo vuole impressionare Antonio Conte e Beppe Marotta, convincerli che è l’uomo giusto su cui l’Inter dovrà puntare nella prossima stagione. Poi, eventualmente, toccherà proprio all’Inter convincere Urbano Cairo a cedere il calciatore: una missione tutt’altro che impossibile, considerato che il presidente, dopo quanto successo quest’anno con Nicolas Nkoulou, non è intenzionato a trattenere giocatori controvoglia. Ma allo stesso tempo non vuole nemmeno svendere i suoi gioiellini. 
LE RICHIESTE DEL TORO - Il club granata valuta Izzo intorno ai 25 milioni di euro ma potrebbe accettare anche una cifra più purché nelle trattativa vengano inserite delle contropartite tecniche. E i giocatori di proprietà dell’Inter che piacciono al Torino non mancano. Il sogno è Radja Nainggolan, ma a rendere quasi impossibile l’approdo sotto la Mole del belga è l’ingaggio (circa 4,5 milioni a stagione) ben al di sopra del tetto salariale granata, l’obiettivo più realizzabile è Andrea Pinamonti, che l’Inter dovrebbe riprendere dal Genoa. L’eventuale arrivo dell’attaccante per però legato alla permanenza di Moreno Longo, che lo conosce e apprezza avendolo allenato al Frosinone: in caso di cambio di allenatore conterà anche il parere del nuovo tecnico sul centravanti. Al Torino piace anche Roberto Gagliardini, che al momento non è però ritenuto una priorità per il centrocampo.