71
Vuole giocare, con continuità. Luka Jovic ha comunicato al Real Madrid la scelta di partire, di trasferirsi in un altro club per tornare a essere protagonista. E' vero che i blancos, senza il serbo, non hanno una vera alternativa a Benzema, ma è altrettanto certo il fatto che per Zidane l'ex giocatore dell'Eintracht Francoforte è solo una costosa seconda-terza scelta. Lo dicono i numeri, solo 806' giocati (e due gol) spalmati in 27 partite, solo 8 delle quali da titolare, troppo poco per considerarlo una risorsa.

PRESTITO - Difficile, quasi impossibile che possa partire a titolo definitivo, nessun club è pronto a spendere oltre 50 milioni di euro per permettere al Real Madrid di evitare una minusvalenza (l'ha pagato un'estate fa 65 milioni di euro), più facile che il gigante classe 1997, in scadenza nel 2025, possa partire con la formula del prestito. E a queste condizioni non mancano i club interessati, soprattutto in Germania e in Italia.

MILAN - In Bundesliga hanno contattato il suo agente l'Eintracht Francoforte, suo ex club, e l'Hertha Berlino, a caccia di un nuovo numero 9 nonostante la presenza di Piatek, in Italia oltre all'Inter c'è il Milan che ha dato tempo sul suo taccuino. Come anticipato da Calciomercato.com, se dall'Europa arrivassero buone notizie per i rossoneri Maldini e Massara tornerebbero a cercare un vice Ibra. Jovic è in cima alla lista dei desideri, ma solo in prestito. Un grande investimento è escluso.