29
Comincia il campionato della Juventus, prima giornata contro l’Udinese. Alla vigilia della partita ha parlato Massimiliano Allegri, anche toccando argomenti di mercato. A partire da Llorente: “È un giocatore della Juve. Non ho parlato con lui, non ho motivi per farlo. È stato importante e sarà importante anche quest’anno. Sta anche molto bene. Finchè è un giocatore della Juve, sarà trattato da giocatore della Juve. Il mercato chiude il 31 agosto e sono cose di cui si occupa la società”.

Allegri parla anche di Isla e del mercato in entrata: “Isla si è presentato bene, ci può dare una mano. È alla Juventus e credo che rimarrà alla Juventus. Mercato? Parlare di altri giocatori non ha senso. Io e la società siamo in sintonia. La società ha investito tanto, l’ultimo acquisto è uno dei terzini migliori d’Europa. Domani viene in panchina, sarà a disposizione e fa il primo allenamento oggi”. 
Nessuna risposta alla provocazione di Mourinho: “Parliamo del campionato e di quello che dobbiamo fare domani. La cosa più importante è parlare di questo. Inter, Milan e Roma si sono rinforzate e sono insieme alla Juve le favorite per lo Scudetto, non scordiamoci del Napoli. È un campionato equilibrato. Mourinho? Lo ripeto, parliamo del campionato. Dispiace per gli infortuni, soprattutto per quello di Khedira. Poi Morata da martedì sarà con la squadra, Chiellini è rientrato, è a completa disposizione, ha lavorato bene. Mandzukic valuteremo oggi se sarà a disposizione per domani, visto che ha lavorato di nuovo a parte, ha preso questo colpo sulla coscia nella partitella di mercoledì, gli dà fastidio. Se non sta bene, preferisco non rischiarlo perché ho anche Zaza, Dybala, Coman e Llorente quindi siamo coperti. Domani gioca Padoin davanti alla difesa. Il rigorista? Oggi lo sceglierò perché ho un po’ di assenti, vediamo. Morata è fuori, Marchisio è fuori. Quindi, sperando che ci diano un rigore, uno a tirare i rigori ce lo mandiamo”.