La fretta con cui è stato esonerato Allegri non si è rivelata una buona consigliera, visto lo stallo in cui si trova la Juve per la scelta del nuovo allenatore. Però siamo sicuri che non sia stato Allegri a spingere per un “dentro o fuori” e per una risposta societaria che, noblesse oblige, doveva almeno rispettare i tempi richiesti dall’allenatore labronico? Ma Agnelli-Nedved-Paratici non avevano già il sostituto? Pare di no. E pare che non fossero d’accordo. Il Presidente non voleva il ritorno di Conte: non ha digerito certi modi, certe dichiarazioni, certe porte sbattute. Guardiola era un sogno, Zidane già partito e Sarri...

CONTINUA SU ILBIANCONERO.COM