30
Maurizio Sarri non l'ha preso in considerazione neanche per la trasferta di Lecce in cui ha scelto di non convocare Cristiano Ronaldo anche a costo di rimanere senza attaccanti da poter inserire a partita in corso. Mario Mandzukic è rimasto escluso dai convocati e continua ad essere a tutti gli effetti fuori rosa alla Juventus. Il mercato di gennaio sarà quello del suo addio ai colori bianconeri, ma nonostante i tanti rumors sul suo conto, ancora sulla scrivania del direttore sportivo Fabio Paratici non sono arrivate proposto che soddisfano le richieste della Juventus.

LE RICHIESTE - Richieste ben delineate e che partono da una base di partenza non trattabile: l'addio di Mandzukic dovrà essere a titolo definitivo. La Juventus vuole infatti chiudere il capitolo che riguarda l'attaccante croato e con un contratto in scadenza il 30 giugno 2021 non c'è la volontà di acconsentire ad un prestito senza la garanzia del riscatto. Inoltre, con il sempre più probabile arrivo di offerte cash dalla Cina, il club bianconero chiederà a chiunque voglia acquistare il vice-campione del Mondo un rimborso economico di non meno di 5,3 milioni, il valore residuo a bilancio che permetterebbe di non realizzare una minusvalenza.
SIVIGLIA E MANCHESTER UNITED AVVISATE - Richieste ben precise e che, almeno per ora, non sono state soddisfatte né dal Manchester United (meta preferita dal giocatore) né dal Siviglia. I Red Devils sono pronti a pareggiare l'ingaggio da oltre 5 milioni pareggiati, ma non vogliono pagare per l'acquisto di un giocatore fuori rosa. Gli spagnoli garantirebbero un prestito con obbligo di riscatto, ma chiedono alla Juventus di partecipare al pagamento di parte dell'ingaggio. In mezzo le offerte già respinte dal Qatar, l'interesse dei Los Angeles Galaxy dall'MLS e le voci sulla Cina. La Juve aspetta e non molla. Per Mandzukic la linea è tracciata.