211
Reinventarsi, in tempo di crisi. Per rinforzare la squadra, per sistemare i conti, messi sotto pressione dalla pandemia Covid-19. E' quello che stanno pensando Juventus e Barcellona che, un anno dopo aver chiuso lo scambio tra Miralem Pjanic e Arthur, stanno valutando un nuovo affare, che possa mettere tutti d'accordo dal punto di vista tecnico ed economico. Sono molti i giocatori graditi da una parte e dall'altra, molte le situazioni in bilico che potrebbero trovare una soluzione, su tutte quella di Paulo Dybala, che non ha rinnovato il contratto in scadenza nel 2022, che potrebbe lasciare Torino in estate. Con Barcellona come possibile destinazione.

PROFILO CHE PIACE - Al momento non c'è in piedi nessuna trattativa, ma la Joya è gradita al Barcellona, così come lo sono, alla Juve, Griezmann e soprattutto Dembele, attaccante francese in scadenza tra 15 mesi proprio come l'argentino. Il nuovo presidente Laporta si è detto un tifoso dell'ex Borussia Dortmund e Rennes, ha pubblicamente parlato di rinnovo ma le logiche di mercato potrebbe spingerlo a cambiare idea. Soprattutto se hai a che fare con un debito di oltre un miliardo di euro.
RIECCOLO - Di certo il numero 11, quest'anno, è diventato un valore aggiunto del Barça, dopo anni bui tra infortuni (soprattutto muscolari) e atteggiamenti poco professionali fuori dal campo, tra videogiochi e cibo spazzatura. In questa stagione ha giocato 2241', spalmati in 35 presenze, con 9 gol all'attivo: certo, non ha ancora dimostrato di valere i 105 milioni di euro (più 40 di bonus) spesi nel 2017, ma è finalmente tornato in rampa di lancio. E a 23 anni può essere per la Juve un ottimo investimento.