70
Di Juve c’era ben poco in campo contro il Cesena. A sembrare già in palla è stato Max Allegri più che altro, accolto con uno striscione di benvenuto dai tifosi e determinato a giocare questa amichevole quasi più di tanti dei giocatori schierati. Accompagnati azione dopo azione, soprattutto i giovani, come se non facesse differenza il fatto che molti di loro tra un paio di settimane non saranno più qui. Contro il Cesena finisce 3-1, alcune buone indicazioni sono già arrivate in ogni caso e le ha lanciate in primis Allegri, pure la mancata convocazione del trio Fagioli, Frabotta, Di Pardo è un messaggio importante. Poi quei giocatori di rientro dal prestito: non tutti però. Bene McKennie, molto bene Perin, De Sciglio e Rugani, anche Soulé. Male Pjaca , qualche errore di troppo anche per alcuni dei giovani. Questi i top e flop della prima amichevole bianconera.
 
TOP
 
PERIN – Al di là delle parate, guida tutta la difesa con voglia e personalità. Si è convinto, resta. E lancia la sfida a Szczesny.
 
RUGANI – Capitano, sembra già in forma e non sbaglia niente indipendentemente di chi gli gioca a fianco.
 
MCKENNIE – Un gol per cominciare, Allegri gli lancia la sfida della doppia cifra in campionato.
 
SOULE’ – Di tutti i giovani è quello che piace di più, ha coraggio e fantasia, ha tanta qualità.
 
FLOP
 
PJACA – Impallato e insicuro, appare un elemento fuori contesto anche in questa situazione. Forse la testa è già altrove, può restare a Torino cambiando maglia…
 
DE WINTER – Il primo gol della stagione è suo, una gran bella sassata. Poi però sbaglia tutto, in una partita normale sarebbe anche stato espulso.
 
CORREIA – Il duello interno con i compagni baby, lo perde. Soulé e Aké, ma anche Rafia si fanno rpeferire.