271
La trattativa tra Juventus e Barcellona continua senza sosta. Da mesi perché c'è necessità tecnica ma soprattutto di bilancio, adesso infatti la deadline è vicina: l'operazione di scambio tra Arthur e Miralem Pjanic va chiusa entro il 30 giugno oppure salterà tutto, ecco perché l'insistenza bianconera è totale per provare a convincere il brasiliano. L'affare non è ancora fatto; aumenta l'ottimismo bianconero di ora in ora perché Arthur adesso ascolta e apre a parlarne, fino a pochi giorni fa neanche voleva sedersi a un tavolo con altri dirigenti. Eppure, non ha ancora dato un ok definitivo al trasferimento perché spinge per restare al Barça. 

Ascolta "Juve-Barça, Pjanic per Arthur. E De Sciglio..." su Spreaker.
LE CIFRE - I due club sono positivi e praticamente pronti a procedere: se Arthur accettasse la Juventus e i 5 milioni all'anno netti promessi dai bianconeri per il suo contratto, si chiuderebbe tutto con Pjanic in blaugrana e un conguaglio tra i 10 e i 15 milioni totali in favore del Barcellona perché Arthur è più giovane e guadagna molto meno del bosniaco. Juve e Barça hanno intavolato tutto, sono ottimiste e sperano di riuscire a convincere l'ex Gremio: l'entourage così come la famiglia di Arthur resistono ancora, la posizione resta quella di non volersi muovere dalla Catalogna, ma le sensazioni della Juve è che qualcosa stia cambiando nei suoi segnali di apertura. Di certo c'è da fare in fretta, mentre la dirigenza bianconera col Barcellona ha escluso Mattia De Sciglio da questo affare, eventualmente se ne riparlerà in un discorso slegato ma non si potevano complicare equilibri di bilancio con un altro giocatore nell'operazione. Aspettando l'ok di Arthur, il vero nodo di questo affare ormai da mesi.