87
"Non sto pensando al rinnovo, non è una priorità, pensiamo al campo. Sto cercando di concentrarmi sulle partite, siamo un po' indietro in Serie A e la priorità è recuperare". Così Matthjs De Ligt ha provato a spegnere oggi le voci sul suo futuro. Ancora rumorose, nonostante un contratto lungo, in scadenza nel 2024.


CONTRATTONE - Ma è proprio quel contratto a creare qualche incertezza. Perché oltre ad essere lungo è ricco, fin troppo ricco. Il centrale olandese guadagna 8 milioni di euro netti a stagione, una cifra alta che la Juve non può ritoccare ulteriormente. Però il club bianconero sa che il giocatore, solo 22 anni, è appetito a tanti in Europa, Barcellona in testa. E le ultime dichiarazioni di Raiola non aiutano. 

IL PUNTO - "De Ligt rimane o va via? Siamo a novembre -  ha detto pohi giorni fa il procuratore italo-olandese-, non è il momento di parlarne. Dovremmo riparlarne a maggio". Un pensiero simile a quello del difensore, insomma. Che dietro nasconde una sorta di desiderio di tornare a discutere di futuro. La Juve ritiene De Ligt centrale nel progetto, un perno su cui costruire il nuovo ciclo che sta partendo. Chi vuole Matthjs dovrà trattare con i bianconeri. Forti anche della clausola rescissoria da 120 milioni, che scatterà a luglio. Insomma, a Torino sono tranquilli. Nonostante Raiola.